Coltivi? Ecco alcuni errori comuni da evitare.

L'industria della cannabis sta esplodendo in questo periodo con nuove varietà e tecnologie che i grower stanno usando per coltivare. Ciò è attribuibile all'attuale crescente legalizzazione di questa erba che apre la possibilità alle persone di accedere a tutto ciò di cui hanno bisogno per coltivare meravigliose piante di cannabis.

La cosa impressionante della Pianta è che cresce in molte parti del Mondo, portando la maggior parte delle persone a credere che sia facile da coltivare. Ma se è la tua prima volta, è facile anche ritrovarsi a fare molti errori. Per aiutarti, ecco una carrellata degli errori comuni che dovresti evitare quando coltivi cannabis.

growing pot

Troppa acqua o troppo poca.

Le piante di cannabis non hanno bisogno di acqua ogni giorno per crescere. Pertanto, è bene innaffiare solo quando necessario. Eccessive innaffiature porteranno a una postura cadente e incoraggeranno i marciumi. Le piante che ricevono acqua in eccesso mostrano anche ingiallimento delle foglie.

Altro errore comune è la carenza di acqua, che ridurrà la fotosintesi nella pianta. Una scarsa fornitura di acqua interferirà anche con l'assorbimento dei nutrienti dal terreno e in pochissimo tempo, la tua pianta mostrerà sintomi di carenza.

Semi di scarsa qualità

A causa della mancanza di una sufficiente conoscenza, alcuni grower non sanno come scegliere i semi migliori da piantare. Come tali, finiscono con semi non certificati, malsani o semi non ben trattati. I buoni geni sono un fattore primario che influenza la crescita dell'intera pianta. Pertanto, il fallimento nella fase di scelta del seme riduce la capacità di ottenere una pianta di alta qualità. Scopri come riconoscere semi di cannabis di qualità per garantire buoni prodotti. Assicurati di acquistare semi da aziende rinomate come Paradise Seeds per un buon raccolto senza difetti genetici.

Individuare malattie e patogeni troppo tardi

La maggior parte dei coltivatori riconosce malattie e parassiti solo troppo tardi quando la pianta sta quasi morendo. In questo momento, malattie come l'oidio, l'oidio e i parassiti come gli acari del ragno si sono già moltiplicati nella pianta nella misura in cui è quasi impossibile combatterli. Pertanto, padroneggiare come prevenire la muffa e altre pratiche di controllo dei parassiti è importante per evitare qualsiasi interferenza con la crescita delle piante.

I coltivatori dovrebbero avere un programma di irrorazione per la cannabis per evitare tali problemi quando è ancora abbastanza presto per salvare le piante. Se non sei sicuro, allora devi imparare come riconoscere e curare una pianta di cannabis malata.

Avversione a chiedere consigli

L'industria della cannabis è relativamente recente e questo significa che ci sono pochi professionisti del growing. Tuttavia, ciò non significa che non ci siano consigli sufficienti per i futuri grower. È necessario seguire i consigli degli specialisti per evitare di commettere errori evitabili.

Ma devi essere in grado di identificare il consiglio legittimo da quello falso. La buona notizia è che ci sono diversi enti di ricerca e rinomati esperti di cannabis online che possono offrirti la guida di cui hai bisogno quando si tratta del tipo di trattamenti, substrato, semi, luci a LED e sostanze nutritive.

Eccesso di nutrienti

La cannabis richiede un mix di nutrienti per crescere e scegliere il dosaggio sbagliato di nutrienti è uno degli errori che fanno i coltivatori alle prime armi. È necessario conoscere la quantità di letame o fertilizzante da utilizzare per evitare bruciature da nutrienti. Assicurati di consultare uno specialista o una guida ogni volta che non sei sicuro di cosa fare quando acquisti fertilizzanti.

Errori nella gestione del pH

Non puoi non ignorare il pH. Se il pH è sbagliato, le tue piante ne risentiranno e produrranno poca resa o alla fine moriranno. Il pH colpisce anche la capacità della pianta di consumare sostanze nutritive e crescere in buona salute. Pertanto, potrebbe essere necessario un kit per misurare e controllare il pH in ogni momento. Paradise Seeds consiglia di utilizzare un livello di pH dell'acqua compreso tra 5,5 e 6,0.

Raccogliere troppo presto

È importante aspettare il momento giusto per raccogliere le gemme anche se sembrano così deliziose quando pendono sulle piante. I germogli raccolti troppo presto hanno una bassa potenza. Ci sono molte risorse online e offline in cui puoi scoprire i criteri di un bud completamente maturo. Una tecnica che molti grower usano è usare un microscopio per controllare il colore dei tricomi. Quando la maggior parte dei tricomi è color lattiginoso / ambrato, allora sai che è pronto.

Uso di un terreno sbagliato

I coltivatori principianti tendono a raccogliere il terreno da qualsiasi giardino e iniziano a piantare. Il suolo deve anche essere privo di parassiti e malattie. Con l'avanzamento della tecnologia, i coltivatori esperti utilizzano impianti fuori suolo per evitare tali problemi.

Scarsa illuminazione

Varietà come la cannabis autofiorente non seguono lo stesso regime luce / buio delle altre piante. Quindi, se stai piantando indoor, indipendentemente dalla varietà, avrai bisogno di un'illuminazione artificiale. I grower, a volte, commettono l'errore di dare alle piante troppa poca luce, e questo influisce molto sulla fioritura.

Conclusioni

Coltivare cannabis sembra facile, ma la pratica richiede un pò abilità. La cannabis è una pianta sensibile e sbagliare in una fase della crescita influirà sulla qualità dell'intera produzione. Pertanto, è fondamentale evitare i suddetti errori comuni. Un ottimo modo per iniziare è assicurarti di acquistare semi di cannabis della miglior qualità.

Impara a come risolvere un cubo Rubix con la soluzione più semplice. Devi memorizzare alcuni algoritmi per avere successo.

#BBD0E0 »