Shopping Cart
Fast & Discreet shipping

Veloce e discreto

| Finest Quality

QualitĂ  migliore

| Excellent service

Servizio eccellente

AIDS AND ACTIVISM IT | Paradise Seeds | Massima qualitĂ , genetica originale

AIDS e attivismo a favore della cannabis: come una pandemia ha influenzato la legalizzazione della cannabis negli USA

Stiamo ancora facendo i conti con la pandemia Covid e con l’impatto che avrĂ  sulle nostre vite future come societĂ , ma la giornata mondiale dell’AIDS di dicembre ci ricorda che dalle avversitĂ  possono nascere improbabili aspetti positivi. Per la lezione di storia di oggi, diamo uno sguardo alla combinazione tra AIDS e attivismo legato alla cannabis, che molti commentatori vedono come il primo grande passo sulla strada della legalizzazione in Nord America. 

Alla fine del ventesimo secolo, l’arrivo dell’AIDS causò onde d’urto in tutto il mondo e cambiò sia il modo di interagire dei settori della societĂ  che modelli di comportamento sociale. Vi suona familiare? Quasi 40 anni dopo che la malattia è entrata per la prima volta nella coscienza pubblica, i progressi della medicina hanno fatto sì che, con una diagnosi precoce e il giusto trattamento, l’aspettativa di vita di un malato di AIDS è di circa 70 anni. Questa malattia è stata responsabile di una delle pandemie piĂą distruttive che il mondo abbia mai conosciuto, provocando la morte di 35 milioni di persone. 

Non era così negli anni ’80, quando la pandemia di AIDS si annunciò con effetti devastanti, colpendo particolarmente la comunitĂ  gay. A quel tempo, San Francisco ospitava una comunitĂ  gay consistente (stimata intorno a 100.000 persone), la cui atmosfera rilassata e l’inclinazione liberale offrivano un rifugio dalla discriminazione e dall’intolleranza che caratterizzava gli atteggiamenti nella maggior parte degli Stati Uniti a quei tempi. 

San Francisco era anche una cittĂ  le cui radici controculturali avevano un legame profondo con la pianta della cannabis, una cittĂ  dove la marijuana aveva prosperato fin dall’emergere del movimento hippie a Haight-Ashbury negli anni ’60. La cittĂ  era stata patria dei Beats negli anni ’50 e nei primi anni ’60 e fu al centro della Summer of Love del 1967, diventando una calamita per i giovani hippie di tutto il paese che erano attratti da delizie come l’erba e l’LSD venduti nello Psychedelic Shop – il primo head shop degli Stati Uniti.   

L’attivismo per la cannabis e l’attivismo gay a San Francisco avevano a lungo condiviso dei legami e questi divennero ancora piĂą intrecciati quando arrivò l’epidemia di AIDS negli anni ’80. In questo quadro, si inserisce Dennis Peron, un uomo gay e importante attivista della cannabis, che divenne presto consapevole del valore e del ruolo che la cannabis svolgeva nel trattamento dei sintomi dell’AIDS. A quel tempo era in una missione controculturale per fornire marijuana alle masse, cosa che fece vendendo attraverso negozi pop-up di San Francisco come il supermercato di marijuana The Big Top.

Come John Entwhistle Jr (lo stratega principale di Peron) ricorda in The Secret Story: How Medical Cannabis Was Re-Legalized in the US, “Non c’era un vero trattamento nei primi tempi. La caratteristica principale della malattia dell’AIDS allora era il deperimento. Non si sapeva per quale motivo il corpo perdeva appetito. Diventavi solo uno scheletro umano. La marijuana aiutava a stimolare l’appetito e naturalmente contribuiva ad alleviare la depressione”. 

Sostenendo questa nuova causa, Peron intensificò la sua difesa dei diritti dei malati di AIDS ad usare la cannabis come trattamento, una tematica che raggiunse la stampa tradizionale con il lancio di un’altra leggenda della storia della legalizzazione della cannabis, “Brownie Mary“. I due continuarono a promuovere una campagna per rendere la cannabis medicalmente accettabile per i malati di AIDS con la Proposition P che divenne la prima pietra miliare nella battaglia per la legalizzazione; essa costrinse la cittĂ  di San Francisco ad adottare, come politica, la sua raccomandazione allo stato della California di rendere la cannabis disponibile per scopi medici senza sanzioni per i medici che la prescrivevano. 

Questo movimento di protesta, che fece apparire la combinazione di ‘medicinale’ e ‘cannabis’ in una conversazione mainstream, attirò una vasta pubblicitĂ  mainstream e Dennis Peron, Brownie Mary e una rete di attivisti della cannabis altamente motivati continuarono a premere contro la (percepita errata) logica della legge. Nel 1992, il Cannabis Buyers Club di San Francisco divenne il primo dispensario di cannabis medica negli Stati Uniti, ma la vittoria finale arrivò quattro anni dopo.

Nel 1996, la Proposition 215 (conosciuta anche come Compassionate Use Act del 1996), entrò nella legge californiana con il sostegno del 55,6% dei votanti. Essa rese legale per i pazienti il possesso e la coltivazione di marijuana per uso personale con la raccomandazione di un medico. Anche se ci sono stati ancora numerosi colpi di scena nel viaggio che si è concluso, oltre 20 anni dopo, la Proposition 215 è ampiamente considerata una pietra miliare nella storia della legalizzazione della cannabis in California.

La cannabis è ancora usata da pazienti affetti da HIV e AIDS, alcuni dei quali sono membri del Programma Medico Paradise Seeds che fornisce agli utenti medici il 50% di sconto su tutti gli acquisti di semi.

Lascia un commento

Related post