Shopping Cart
Fast & Discreet shipping

Veloce e discreto

| Finest Quality

Qualità migliore

| Excellent service

Servizio eccellente

Sea of Green

5 Consigli Preziosi per Coltivare la Cannabis con il Metodo Sea of Green

Grazie alla versatilità e alla varietà delle piante di cannabis esistenti, i coltivatori hanno trovato diversi metodi che funzionano in base al loro livello di abilità e alla varietà che stanno coltivando. Uno di questi è chiamato Sea of Green (S.O.G) e si riferisce alla coltivazione di un alto numero di piante di piccole dimensioni. Qui di seguito troverete 5 consigli preziosi da ricordare la prossima volta che coltiverai cannabis con la S.O.G, oltre ad alcuni errori da evitare.

1) Dimensione del Vaso e Numero di Piante 

L’obiettivo principale di un sistema Sea of Green è quello di riempire la tenda o la stanza da parete a parete. Come suggerisce il nome, l’intera stanza è dedicata a piante di piccole dimensioni, quindi quando si tratta di scegliere la dimensione migliore del vaso, non si vuole un vaso troppo grande in cui la parte delle radici non occupa lo spazio in modo efficiente.

Il mio consiglio migliore è di usare un vaso da 7,5 o 10 litri e di mantenere uno spazio di 30 cm tra l’uno e l’altro. Così, per esempio, potresti avere 12 o 16 piante in uno spazio di 1,2 metri. Radici più grandi possono significare frutti più grandi, ma questo significa riempire i vasi in primo luogo, che è l’opposto di questo stile di coltivazione. 

2) Mantieni Tempi di Vegetazione Brevi 

Se vuoi evitare alte bollette elettriche, un uso pesante di nutrienti e alte temperature interne dovute a luci accese 18 ore al giorno durante la fase vegetativa, allora Sea of Green può essere la soluzione! Si consiglia di tenere le piante sotto 18 ore di luce e 6 ore di buio solo per 7-10 giorni. Il motivo è quello di far fiorire una chioma uniforme e di media altezza che si aggiri intorno ai 100 cm-120 cm di altezza finale.

Il consiglio migliore in questo contesto è quello di mantenere tempi di vegetazione più brevi e di portarli a 10 giorni solo se assolutamente necessario. Far fiorire una pianta troppo alta e cespugliosa per lo spazio originariamente assegnato vanifica lo scopo della S.O.G. e aggiungerà solo più tempo alla data del raccolto finale. Se si lavora con cloni con radici, allora 7 giorni sarà il tempo perfetto per far vegetare le piante di Cannabis. 

3) Scegli la Tua Varietà con Saggezza 

Prima di eccitarsi e iniziare a ordinare le ultime varietà di tendenza dagli Stati Uniti e pagare fior di quattrini, è meglio ricercare le varietà più adatte disponibili sul mercato. Le caratteristiche che desideri dovrebbero essere ibridi a dominanza indica corta/media con un tempo di fioritura veloce di 50-55 giorni, con una cola centrale principale e una ramificazione laterale uniforme.

Il mio consiglio migliore è di evitare tutte le varietà che sono lente a partire, e di ricercare le varietà consigliate da banche di semi che vanno bene in un Sea of Green. Si raccomanda vivamente di lavorare con Wappa, Ice Cream, Dutch Kush e Nebula,, perché sono tutte incredibilmente adatte alla S.O.G.

4) Lascia Spazio per Lavorare

Per quanto possa essere allettante riempire la tenda da coltivazione da parete a parete, è anche essenziale che tu sia in grado di entrare e lavorare comodamente con il tuo allestimento Sea of Green. Una volta iniziata la fioritura, il baldacchino può diventare rapidamente sovraccarico e riempirsi, il che significa che bisogna essere molto attenti a segni di muffa, e alla manutenzione generale delle foglie secche, la chiave fondamentale per il successo.

Il mio consiglio in questo caso è di creare uno spazio percorribile intorno ai 4 lati del S.O.G, e di assicurarsi di poter spostare le piante in caso di emergenza. Se hai una stanza di grandi dimensioni, allora crea un corridoio nel mezzo e tieni due Seas of Greens in una stanza, invece di un baldacchino gigante a cui non puoi avvicinarti per tutta la durata del ciclo di fioritura.

5) Un corretto flusso d’aria è essenziale

Non c’è niente di peggio che perdere un raccolto a causa di una brutta infezione di Botrytis, e ancora di più quando i bud marciscono dall’interno. Il motivo per cui succede è semplicemente la scarsa circolazione di aria intorno alle piante, combinata con un’umidità interna superiore al 40%. Dato che tutte le piante fioriranno così vicine tra loro, è molto facile che un problema di oidio o muffa sfugga di mano.

Il mio consiglio principale è quello di assicurarsi di avere un ventilatore oscillante nella parte inferiore della stanza che soffi sulla base e sulle parti superiori dei vasi, e un altro ventilatore che soffi sopra le piante. Il flusso d’aria dovrebbe avere una brezza molto confortevole, che aiuterà a far circolare l’aria fresca e a rimuovere qualsiasi aria stagnante nella stanza. Si raccomanda anche di far girare i ventilatori oscillanti in tempi diversi l’uno dall’altro per massimizzare la corrente d’aria.

6) Errori da evitare

  • Usare un vaso troppo grande che non farà altro che sprecare terreno di coltura e spazio vitale.
  • Non fare la dovuta ricerca e scegliere genetiche sbagliate e non adatte alla S.O.G.
  • Avere un flusso d’aria inadeguato e una scarsa circolazione di aria nella parte superiore e inferiore delle piante.
  • Coltivare le piante a 18/6 per più di 10 giorni producendo piante troppo grandi.
  • Limitare il tuo spazio di lavoro e avere grandi difficoltà a muoversi tra le piante.
  • Spegnere i ventilatori di notte e incoraggiare aria stagnante nello spazio di coltivazione.

Di Stoney Tark (Autore di “Stoney Tark’s Top Tips on Growing Cannabis”)

Lascia un commento

Related post