Shopping Cart
Fast & Discreet shipping

Veloce e discreto

| Finest Quality

Qualità migliore

| Excellent service

Servizio eccellente

Boost Cannabis Autoflower Yields

Come le piante di Cannabis utilizzano la luce e l’effetto sulla resa.

Per coltivare qualsiasi pianta di cannabis, hai bisogno di due cose: luce e acqua. Dati questi due elementi essenziali, qualsiasi pianta adempirà al suo obbligo di un ciclo di vita naturale e crescerà! Tuttavia, c’è una grande differenza tra una pianta di cannabis che cresce “solo” e una che soddisfa il suo vero potenziale. Per massimizzare la resa del raccolto è necessario massimizzare il modo in cui lepiante di cannabis utilizzano la luce.

Uno dei più grandi errori che faranno coloro che non conoscono le piante di cannabis in crescita è quello di sottovalutare l’importanza dell’illuminazione. Coloro che coltivano piante di cannabis all’aperto in regioni più settentrionali, dove le ore di luce solare sono meno e il tempo è più mutevole, ti dirà quale differenza avrà una stagione “soleggiata” o “piovosa” sui loro raccolti. A parte altri problemi associati al clima umido, come la muffa, la mancanza di luce solare diretta e prolungata avrà un impatto sulle gemme, limitando le dimensioni e persino ritardando il tempo di maturazione.

La radiazione fotosintetica attiva (più comunemente nota come  PAR) ci aiuta a capire come le piante di cannabis utilizzano la luce. Si riferisce alle parti dello spettro luminoso (cioè i colori) che promuovono la massima produzione di clorofilla. L’occhio umano vede lo spettro della luce in un modo molto diverso dalle piante, concentrandosi sulla parte centrale dello spettro, mentre le piante di cannabis utilizzano una gamma più ampia dello spettro. Se l’occhio umano osserva la luce solare attraverso un prisma, allora questo spettro completo di colori diventa evidente – oltre alla luce bianca che vediamo, altri colori includono viola, blu, verde, giallo, arancione e rosso.

Coltivare cannabis indoor con le luci

Mentre il sole fornisce questo spettro di luce completo, nella grow room ci affidiamo alle luci per fornire una fonte artificiale di luce solare. Attingere allo spettro – con la pianta che ottiene diversi aspetti della crescita da luci colorate diverse – è il motivo per cui le luci a LED sono diventate così popolari tra la comunità dei coltivatori di cannabis negli ultimi anni (vedi il nostro articolo Best Grow Lights 2021: LED vs HPS Comparison.

Questo non vuol dire che le luci HPS non forniscono luce sufficiente per rese impressionanti. Tuttavia, il modo in cui vengono utilizzate le luci HPS può avere effetti drammatici sul raccolto e sul potenziale di raccolta. Un presupposto comune dei coltivatori è che più potente è il bulbo, meglio è, tuttavia questo non è necessariamente il caso in quanto un fattore cruciale nella crescita di un raccolto è l’efficienza nella distribuzione della luce.

Una lampadina che emette 1000 watt di luce non è efficace quanto l’utilizzo di due o tre luci più piccole (ad esempio 400 watt), che possono essere posizionate per aumentare l’esposizione all’area di coltivazione. Allo stesso tempo la minore intensità di calore fa sì che le luci possano essere appese più vicino alle piante senza il rischio di provocare danni da calore.

Problemi di growing associati a luce inadeguata

Il più delle volte i problemi relativi alle piante con prestazioni insufficienti sono legati agli ambienti e alle condizioni di coltivazione della cannabis, piuttosto che un problema con i semi stessi. I semi di cannabis sono creati con la sostanza genetica per prosperare e queste genetiche (in semi di qualità da una fonte affidabile) sono omogenee. Se, ad esempio, il cliente ha acquistato un pacchetto di Nebula o Space Cookies, il potenziale per far crescere il tipo di piante meravigliose che illuminano un feed di Instagram è intrinseco.

Tuttavia, questi esempi “vetrina” devono tutto al fatto di essere coltivati ​​nelle giuste condizioni (e ovviamente alla conoscenza e all’abilità del coltivatore). Come accennato, la maggior parte dei problemi riguarda l’ambiente di coltivazione della cannabis e le condizioni in cui vengono coltivate le piante. Un classico esempio di un problema come la resa deludente è correlato a un semplice cambio della lampadina HPS (sodio) per coloro che coltivano con luci HPS (sodio)

Cannabis Plants scaled | Paradise Seeds | Massima qualità, genetica originaleProblemi comuni dovuti a poca luce

Una delle principali cause di uno sviluppo scarso delle piante, con rami sottili, è la bassa intensità luminosa (dovuta alla luce così lontana dalle cime delle piante). Questo è uno dei vantaggi dell’utilizzo dei LED, con la loro gamma di spettro più ampia e la temperatura più bassa che consente loro di essere posizionati più vicino alle piante rispetto alle luci HPS. Più le luci sono vicine alla cima delle piante, maggiore è l’intensità della luce e più uniforme la diffusione della luce, che contribuisce a un sano sviluppo delle piante.

La luce gioca un ruolo cruciale nello sviluppo delle gemme e i risultati di una buona illuminazione sono evidenti sotto forma di grandi gemme che hanno una reale densità. Il rovescio della medaglia sono i germogli cresciuti in condizioni di luce insufficiente, che avranno un aspetto deludente e privi di quella densità cruciale che aggiunge peso e sostanza al raccolto quando arriva il momento del raccolto.

Quindi, per ottenere il massimo da una grow room indoor, Paradise Seeds consiglierà sempre ai coltivatori di investire in un buon sistema di illuminazione e – cosa fondamentale – di mantenere il sistema e sostituire regolarmente le lampadine (le lampadine HPS perdono circa il 20% della produzione in un anno, il che di riflesso nella resa). Prenditi anche il tempo per valutare il tuo ambiente di coltivazione, poiché ogni spazio di coltivazione è diverso, e concentrati sulla massimizzazione dell’intensità della luce per ottenere i migliori risultati.

Lascia un commento

Related post