Shopping Cart
Fast & Discreet shipping

Veloce e discreto

| Finest Quality

Qualità migliore

| Excellent service

Servizio eccellente

HPVLD PROTECTION 1200X682 ITALIAN | Paradise Seeds | Massima qualità, genetica originale

Cos’ è l’HPVLD e Come Puoi Proteggere il Tuo Raccolto di Cannabis?

Nell’ ultimo anno e mezzo abbiamo tutti acquisito una certa familiarità nel parlare di virus, sintomi ed eventuali zone a rischio di infezione.  Sebbene la grow room o l’orto di cannabis all’aperto abbiano fornito una sorta di santuario lontano dalla follia del Covid, la crescente prevalenza di un viroide della pianta di cannabis chiamato HpLVd minaccia di portare tutti quei discorsi sui virus nello spazio di coltivazione. 

Quindi, se coltivate cannabis dovreste preoccuparvi dell’HpLVd?  Anche i coltivatori si chiedono quali misure possono adottare per proteggere le loro piante di cannabis nella grow room dall’infezione da HpLVd.

Cos’è l’HpLVd (il Viroide Latente dell’Uppolo?)

Il viroide latente del luppolo (più comunemente abbreviato come HpLVd o HLV) è spesso riportato come un virus della cannabis, ma in realtà è un RNA patogeno specifico delle piante e per questo motivo la sua definizione corretta è “viroide”.

Come suggerisce il nome, ha origine nelle piante di luppolo, che fanno parte della stessa famiglia delle piante di cannabis. I ricercatori hanno scoperto per la prima volta la presenza di questo viroide nel 1987  e da allora è stato identificato come un problema nei cantieri commerciali di tutto il mondo che processano il luppolo per l’industria della birra.  

Non si sa esattamente quando il viroide sia giunto sulla pianta di cannabis, anche se si sospetta che abbia iniziato a prendere piede a metà degli anni 2010 (intorno al 2014). È stato ufficialmente identificato identificato nel 2019, in una fattoria commerciale di cannabis della California e da allora è stato sempre più individuato in coltivazioni commerciali di cannabis di tutti gli Stati Uniti.

Quali Sono i Sintomi dell’HpLVd nelle Piante di Cannabis?

L’effetto del viroide HpLVd ha generato una nuova parola nel vocabolario dei coltivatori di cannabis – ‘Dudding’ (che a sua volta ha generato il termine ‘malattia del dudding).  Forse il motivo per cui è rimasto nascosto per così tanto tempo è che i sintomi dell’HpLVd nelle piante di cannabis sono simili a sintomi relativi ad altri problemi, in cui non c’è una chiara indicazione di infezione.

 Ciononostante, i sintomi comuni di questa malattia della cannabis appena evidenziata sono:

  • Crescita stentata della pianta 
  • Livelli ridotti di tricomi e resina
  • Bud più piccoli
  • Malformazione delle foglie

L’altro problema per i coltivatori di cannabis è che questo viroide è di natura latente (il che significa che può essere presente nella pianta per molto tempo prima di manifestarsi) e anche le piante infette possono essere asintomatiche, aggiungendo difficoltà all’identificazione. 

Come vengono infettate le piante con l’HpLVd?

L’HpLVd è il soggetto della ricerca attuale in cui gli scienziati cercano di svelare il percorso che compie nell’attaccare le piante di cannabis. Sono stati identificati due fattori chiave nell’accelerare i tassi di infezione all’interno delle coltivazioni: la mancanza di un’adeguata igiene degli impianti di coltivazione e la diffusione della malattia attraverso le piante clonate di cannabis. 

È stato identificato che il viroide si diffonde più probabilmente attraverso il contatto con una pianta infetta e la ricerca suggerisce che la fonte più probabile di contaminazione nelle stanze di coltivazione commerciali è attraverso le attrezzature da taglio (cioè gli strumenti di potatura), che non sono state sufficientemente sterilizzate. L’altra fonte principale di infezione sembra essere attraverso l’uso di cloni presi da piante madri infette che sono state portate nella struttura di coltivazione. 

I più colpiti dalla diffusione dell’HpLVd sono stati i coltivatori commerciali.  E’ stato sostenuto che una delle ragioni per cui la malattia ha preso piede in modo così significativo sulla costa occidentale degli Stati Uniti è stata la mancanza di tutele e regolamenti in materia di igiene e ispezione/quarantena nelle operazioni commerciali di coltivazione della cannabis agli albori della legalizzazione della cannabis.

Come posso prevenire l’HpLVd nella mia grow room?

Sebbene la HpLVd sia ancora molto associata alle strutture di produzione di cannabis su larga scala, i coltivatori domestici più preoccupati possono prendere alcune semplici misure per ridurre al minimo il rischio di infezione. I consigli di base sono praticamente gli stessi utilizzati per ridurre al minimo il rischio di importare qualsiasi parassita o malattia legata alla cannabis nella stanza di coltivazione.

In primo luogo, fate tutto il possibile per mantenere lo spazio pulito. Anche se l’alcool è l’agente di pulizia prescelto dalla maggior parte dei coltivatori, la sterilizzazione più efficace per prevenire la dudding disease è risultata essere una soluzione di candeggina al 10% (cioè 1 parte di candeggina per 10 parti di acqua). Assicurati che tutte le forbici o le lame siano accuratamente sterilizzate prima di passare a un’altra pianta per evitare il rischio di contaminazione incrociata.

Anche se l’HpLVd è stato trovato nei semi, la maggior parte del rischio deriva da talee infette. Pertanto, coltivare partendo dai semi offre alcuni livelli di protezione contro il viroide – soprattutto se provenienti da un produttore di semi riconosciuto come Paradise Seeds, che garantisce elevati standard di igiene in tutto il processo di breeding.  

È ancora presto per capire quanto sarà significativo l’impatto dell’HpLVd sulle colture mondiali di cannabis e i coltivatori sperano che non diventi un problema come la malattia dell’olmo olandese/grafiosi. Anche se non è ancora il momento di preoccuparsi di un’apocalisse delle piante di cannabis, questa è comunque una nuova malattia da tenere d’occhio.

Lascia un commento

Related post