Shopping Cart
Fast & Discreet shipping

Veloce e discreto

| Finest Quality

Qualità migliore

| Excellent service

Servizio eccellente

THC MICRODOSING 1200X682 | Paradise Seeds

Il microdosaggio di THC è il futuro della cannabis?

Una volta lo scopo del consumo di marijuana per la maggior parte dei consumatori era quello di sballarsi di brutto; occhi rossi, bocca secca, crisi di risate, attacchi di fame chimica… avete capito bene! Beh, naturalmente questa è ancora un’opzione piuttosto popolare per molti, ma dato che il ventunesimo secolo è ormai ad un quarto, i benefici del microdosaggio della cannabis stanno diventando un argomento di conversazione sempre più diffuso.

Il microdosaggio è più tradizionalmente associato a sostanze psichedeliche come l’LSD o i funghi magici, che hanno potenti effetti allucinogeni se presi in dose intera. Tuttavia, se assunti in quantità molto piccole – in microdosaggio – e regolarmente, le esperienze aneddotiche degli utenti (sempre più supportate dalla ricerca scientifica) suggeriscono effetti positivi – diminuzione dell’ansia e della depressione, miglioramento della concentrazione e della creatività e riduzione della dipendenza da alcol e tabacco.

Perché microdosare l’erba?

I benefici del microdosaggio di cannabis sono ovvi per l’utente medico, specialmente per quei pazienti che non hanno una storia di consumo di marijuana. La cannabis medica è stata collegata ad effetti sulla salute e sul benessere e si è dimostrata efficace, tra le altre cose, per la gestione del dolore, per l’ansia e la depressione, come aiuto per dormire e come stimolante dell’appetito. Tuttavia, molti nuovi consumatori di cannabis sono stati scoraggiati dall’effetto “stoned”. 

Naturalmente le varietà ricche di CBD come CBD Relief e CBDream hanno un contenuto minimo di THC, ma anche il composto psicoattivo (Tetraidrocannabinolo) della pianta di cannabis è riconosciuto per i suoi benefici sulla salute – in quanto la combinazione di questi due (e altri) cannabinoidi interagisce con il sistema endocannabinoide del corpo. Pertanto, il microdosaggio giova ai consumatori di cannabis medica poiché introduce i cannabinoidi nel corpo in dosi minime, ma senza effetti evidenti (come far sentire l’utente ” sballato).  

Al di là di specifiche condizioni mediche, c’è anche tutto un discorso sul benessere generale che accompagna il microdosaggio. Il mainstream lo sta già facendo sotto forma di consumo di olio di CBD – gocce giornaliere dispensate tramite una pipetta – e il microdosaggio con THC e altri cannabinoidi non è diverso. 

Livelli di microdose di cannabis. Cosa è giusto per te?

Questa è la domanda da un milione di dollari, e la risposta è che non esiste una risposta definitiva! Per capire il concetto di microdosaggio, bisogna anche riconoscere che ognuno (come il corpo di ogni persona) è diverso. Oltre all’altezza, al peso, al metabolismo e ad altri fattori genetici e ambientali (compresi i livelli di tolleranza alla cannabis per i consumatori abituali), anche lo stato di equilibrio del corpo (o omeostasi) può influenzare i livelli di dosaggio personali.

“Low and slow” è un mantra comunemente usato e, nel caso del THC, è generalmente suggerito dai sostenitori delle microdosi di iniziare con una dose giornaliera di 2 – 3 mg per qualche giorno e aumentare da lì se se ne sente il bisogno. E’ importante mantenere l’attenzione sull’effetto desiderato, cioè un migliorato senso di benessere, piuttosto che un qualsiasi cambiamento di percezione. È la differenza tra avere 30 minuti al sole per beneficiare della vitamina D o bruciare al sole fino a quando la tua pelle diventa di diverse tonalità più scura. 

Come microdosare il THC?

Ci sono chiari vantaggi con il microdosaggio di THC tramite gommose e altri commestibili che hanno livelli prescritti di cannabinoidi. Lo stesso si potrebbe dire per le cartucce da svapo ( acquista sempre prodotti regolamentati) infuse con estratti di cannabis. Tuttavia, nei paesi in cui questi prodotti non sono legali, questa opzione non è disponibile.

Il modo più ovvio per microdosare tramite inalazione è quello di adottare un approccio “one hit” (monodose), che è la soluzione pratica che molti coltivatori casalinghi di cannabis autosufficienti adotteranno. Ci sono un certo numero di prodotti monodose sul mercato, sotto forma di vape e pipe, che danno una certa quantità di controllo all’utente. Coltivando la propria scorta personale, i coltivatori casalinghi sono in grado di lavorare con specifici ceppi di cannabis, che forniranno una certa coerenza nel contenuto di cannabinoidi e anche nell’effetto.

Un’altra opzione è quella di prepararsi da soli gli edibili di cannabis, anche se le ricette fatte in casa soffriranno inevitabilmente per quanto riguarda le dosi standardizzate. La ricetta di base per fare qualsiasi commestibile a base di cannabis consiste nel decarbossilare l’erba (cioè riscaldarla in forno a 105-120°C) e poi mescolarla con un grasso, come l’olio di cocco o il burro, e cuocerla a fuoco lento per un certo periodo di tempo. Questo fornisce un ingrediente base di olio di cannabis al THC da aggiungere al medium commestibile desiderato. Il gommoso tradizionale è una buona opzione perché si conserva bene e ci sono molte ricette disponibili online che danno istruzioni su come prepararlo.

Il microdosaggio di cannabis è un’avventura personale che si svolge nel corso del tempo. È collegata a una conversazione più generale con se stessi e con la salute del proprio corpo, e un punto che continua a emergere nelle conversazioni con gli appassionati è che i livelli di microdose funzionanti sono spesso inferiori a quanto si pensa. Non dimenticare: inizia con poco, vai piano e ascolta ciò che ti dice il tuo corpo.

Lascia un commento

Related post