Shopping Cart
Fast & Discreet shipping

Veloce e discreto

| Finest Quality

Qualità migliore

| Excellent service

Servizio eccellente

Piante Indica vs Sativa

Indica vs Sativa, qual è la differenza?

  • Indica vs Sativa: Quale sei tu?
  • Qual è la differenza tra piante indica e sativa
  • Indica, sativa e il dibattito sull’effetto entourage
  • Indica, sativa e la varietà di cannabis ibrida

Indica vs sativa, qual è la differenza? Se sei nuovo nell’esplorare le gioie della marijuana o nel coltivare il tuo primo lotto di semi di cannabis, allora sarai senza dubbio a conoscenza di questi termini, che hanno un ruolo importante nella categorizzazione di diversi ceppi di marijuana. Tuttavia, l’argomento è più complesso di quanto non appaia a prima vista, quindi diamo un’occhiata più da vicino:

Indica vs Sativa: Quale sei tu?

Sei un tipo da Indica? Ti piace l’erba che porta un rapido e forte rilassamento e un senso di benessere che ti permette di scivolare euforicamente nell’intimità del divano e immergerti in un buon film o in una sessione di videogiochi? Le classiche indica Paradise (dove la percentuale di indica è superiore al 60%) sono El Dorado OG, Californian Gold e White Berry.

Sei un tipo da Sativa? Ti piace l’erba che porta un aumento di energia e un senso di chiarezza che ti permette di immergerti felicemente in compiti creativi con la mente in fermento, felice di essere distratto dall’improvviso bisogno di pulire sotto il divano? Le sative classiche della collezione Paradise Seeds (dove la percentuale è superiore al 60%) sono Delahaze, L.A. Amnesia e Chocolate Wafflez.

Anche se si tratta di caricature un po’ esagerate, l’effetto indica è generalmente legato al rilassamento mentre l’effetto sativa è legato all’energia, ed è per questo che l’indica è spesso conosciuta come “fumo notturno”, mentre la sativa è definita “fumo diurno” (ottima anche per uscire e socializzare di notte!).

Qual è la differenza tra piante indica e sativa?

I nuovi clienti di Paradise spesso chiedono se c’è differenza tra indica e sativa. La risposta è sì! L’aspetto di una particolare pianta di cannabis era uno dei test tradizionali per valutarne lo stato di indica o sativa. Tipicamente le piante di cannabis indica sono identificate come più corte e cespugliose, con foglie più larghe, boccioli più grassi e un tempo di fioritura più veloce. Questa differenziazione tra piante di cannabis è stata fatta in seguito alle ricerche di biologi del XIX e XX secolo che notarono i diversi modelli di crescita tra piante di marijuana che crescevano nelle regioni montuose dell’Afghanistan (le indica sono comuni anche in India e Pakistan).

Le piante Sativa, al contrario, mostrano un diverso modello di crescita, con la tendenza a crescere alte e più snelle, con foglie più strette. Tendono a terminare più tardi e a produrre cime più sottili e lunghe. Le varietà Sativa si trovano comunemente vicino all’equatore in Sud America, Africa e Sud-Est asiatico e i loro modelli di crescita potrebbero essersi evoluti per far fronte a condizioni caratterizzate da meno acqua.

Tuttavia, come vedremo più avanti in questo articolo, oggigiorno poche varietà sono delle vere e proprie sativa o indica, per via di molti anni di selezione. Nella collezione Paradise Seeds, Durga Mata, una indica al 90% selezionata da varietà landrace afgane e himalayane, è forse la più vicina a una indica pura. Pertanto, vedrai spesso una varietà descritta come “principalmente” sativa o sativa “dominante”.

Indica, sativa e il dibattito sull’effetto entourage

Ad ogni modo, sembra che la questione della differenza tra indica e sativa diventi più complicata con il passare del tempo e sia diventata un argomento di dibattito. Per molti anni, sativa e indica sono state comode etichette usate per differenziare piante di cannabis, in base all’aspetto e all’effetto. Tuttavia, con l’ingresso nel dibattito di ulteriori studi scientifici, queste semplici etichette sono considerate sempre più obsolete.

Negli ultimi anni, c’è stata una maggiore attenzione sull’effetto entourage, che è il processo attraverso il quale vari composti (cannabinoidi e terpeni, essenzialmente) di una particolare varietà di erba o pianta si combinano per produrre un effetto complessivo. Questo nuovo modo di pensare sembrava far luce sui segreti della pianta di cannabis e su come interagisce con il sistema endocannabinoide corporeo, tuttavia qualcuno nel mondo della scienza ha respinto questo concetto come una montatura marketing. In un articolo su Scientific American, un neurobiologo della Columbia University, che studia la cannabis, è scettico: “Il pubblico profano ha davvero accolto la nozione dell’effetto entourage, ma non ci sono molti dati”.

Indica, sativa e la varietà di erba ibrida

Un altro elemento nella differenza tra indica e sativa è il fattore ibrido. Man mano che l’industria di semi di cannabis è cresciuta (inevitabilmente insieme alla domanda per semi di cannabis), si è evoluta una cultura della “nuova varietà” allo stesso modo in cui è accaduto in altri settori di beni di consumo. Gli ibridi – che combinano le qualità desiderate dalle piante madri indica e sativa – hanno fornito agli allevatori il veicolo perfetto per sviluppare nuovi e meravigliosi ceppi con la genetica (date un’occhiata al nostro articolo esplicativo su semi e piante di cannabis ibridi).

La verità è che la maggior parte dei consumatori di cannabis ama una combinazione di sativa e indica, tuttavia, proprio come per ogni cosa, sono guidati da preferenze personali quando acquistano semi di cannabis femminizzati.

Lascia un commento

Related post