autoflowers

Una delle domande spesso poste da chi è nuovo alla coltivazione è qual è il momento migliore per piantare i semi di cannabis all'aperto? Questa è una buona domanda perché il tempismo è tutto quando si piantano semi di cannabis, al fine di massimizzare la stagione di crescita. La risposta più semplice è che è sicuro piantare semi di cannabis all'aperto in primavera, quando il rischio di gelate al suolo è totalmente scomparso 

Il luogo in cui vive il coltivatore determinerà quando sarà questo momento; per i coltivatori dell'emisfero settentrionale - tipicamente tra le latitudini 45 ° - 55 ° - esiste una distinzione tra latitudini nord e sud. Nelle regioni più settentrionali, come l'Olanda, ciò significa piantare a metà maggio quando il rischio di gelate è passato e la temperatura del terreno è adeguatamente calda. Per i coltivatori nelle zone più meridionali dell'emisfero settentrionale, intorno alla regione mediterranea, è possibile piantare semi di cannabis all'aperto in aprile (e possibilmente da metà marzo nell'estremo sud e nelle zone costiere), sebbene l'inizio di maggio sia la scommessa più sicura.

Tuttavia, un coltivatore outdoor intelligente inizierà a pianificare la propria coltivazione outdoor già a marzo e ci sono alcune cose che puoi fare per iniziare il processo in modo piacevole e precoce. Le seguenti scorciatoie sono una guida per ogni coltivatore che desidera massimizzare il potenziale della stagione di crescita dell'emisfero settentrionale.

1) Scegli i tuoi semi di cannabis con attenzione

Marzo è un buon momento per dare il via ai preparativi e scegliere quali semi di cannabis andranno in giardino quest'anno, e scegliere quelli giusti ti darà un grande vantaggio. Paradise Seeds ha oltre 40 varietà tra cui scegliere, quindi c'è sicuramente una scelta sufficiente per soddisfare le esigenze di ogni coltivatore: dal tipo di varietà desiderato (sativa, indica o ibrido) al gusto e all'effetto. Un'altra categoria chiave che ogni coltivatore di cannabis outdoor deve prendere in considerazione è l'idoneità di una varietà per il clima e l'ambiente del coltivatore, sia che si tratti di una varietà resistente alle muffe come la Spoetnik#1 o di una pianta assetata di sole come Dutch Dragon.

2) Fai iniziare le tue piante indoor
Mentre la maggior parte dei coltivatori outdoor fa parte del club dei "coltivatori all'aperto" e manca di un allestimento interno complementare, un modo semplice ed economico per ottenere un vantaggio nella stagione di coltivazione all'aperto è avviare le piante all'interno. Un piccolo spazio, come un armadio, può essere facilmente trasformato in un vivaio temporaneo per semi di cannabis e piantine con una semplice luce. Nei primi giorni della semina, tutto ciò di cui hanno bisogno i semi è una luce da seguire, e questo può essere ottenuto con una CFL o una luce LED economica. Con questa configurazione, i coltivatori di cannabis all'aperto possono far germogliare i semi e far avanzare le loro piantine almeno un mese prima, in modo che le piante si installino nel terreno sane e pronte per affrontare il fuori!

* Bonus tip: Quelle fredde temperature notturne possono ritardare i tempi di germinazione dei semi di cannabis, quindi è importante tenerne conto nei piani. Assicurati che la germinazione avvenga in un luogo buio e sufficientemente caldo.

3) Dai ai semi di cannabis il loro microclima ideale

Le prime settimane sono cruciali per lo sviluppo di un seme di cannabis ed è importante dare a una pianta di cannabis il miglior inizio, sia in un vivaio al chiuso che su un davanzale. L'abbassamento delle temperature notturne può anche influenzare la crescita dei nuovi germogli di cannabis, che sono vulnerabili fino a quando non si stabiliscono. Un semplice bioma fatto in casa, usando un collo di bottiglia di plastica tagliato (con la parte superiore rimossa) darà alle piantine di cannabis uno strato aggiuntivo di isolamento. Dai un'occhiata all'episodio Skunkworks episode di Paradise Seeds di Top Shelf Grower in cui vari oggetti domestici comuni vengono trasformati in efficaci contenitori di semi / piantine.

4) Aggiungi qualche autofiorente per un raccolto bonus precoce
I semi femminizzati hanno il potenziale per piante più grandi e raccolti più abbondanti, ma l'aggiunta di un paio di autofiorenti nei piani di coltivazione della cannabis all'aperto ricompenserà il coltivatore con un bonus raccolto all'inizio dell'estate. Mentre le piante fotoperiodiche (femminizzate) impiegheranno alcuni mesi per crescere, non germogliano fino a quando le ore di luce e buio non cambiano alla fine dell'estate / inizio autunno, le varietà autofiorenti come  Pandora e Auto White Berry saranno pronte per essere raccolte dopo appena 9-10 settimane. Partono all'interno da inizio a metà Aprile, piantali da inizio a metà maggio e saranno pronti per la raccolta da metà a fine giugno (beneficiando del potere del Sole di mezza estate).

5) Prepara il terreno

Qualsiasi giardiniere esperto ti dirà quanto sia importante ottenere il giusto medium di coltivazione per le tue piante e questo è vero per la cannabis come lo è per frutta e verdura. Il mese di marzo è un momento perfetto per preparare il terreno in modo che possa “sedersi e stabilizzarsi'' per un paio di mesi consentendo lo sviluppo di batteri benefici e funghi benefici, dando il tempo per regolare il pH (se sono necessari cambiamenti ). Un terreno stabilizzato aiuta a fornire una base nutriente a cui attingere per le piantine quando vengono piantate a maggio. La maggior parte dei coltivatori di cannabis all'aperto ha lo spazio e le risorse per preparare il proprio terreno e Paradise ha una guida ai componenti di base necessari per produrre il proprio terreno di coltivazione ideale.