Legalizzazione della marijuana in Canada - Paradise Seeds All’inizio di quest’anno vi avevamo proposto un articolo sui cambiamenti nello scenario della cannabis canadese, provocati dall’inserimento di un nuovo governo a favore della legalizzazione. La mozione pro legalizzazione in Canada offre un esempio vivente su come il processo di legalizzazione possa - o non possa - funzionare in una delle economie più forti al mondo.

Tuttavia, come discusso nel nostro articolo di marzo, ci sono molti ostacoli a rallentare questa strada e così vi è un conflitto di interessi tra governo, polizia, autorità mediche e le aspettative dei canna-imprenditori e quella fetta di popolazione che coltiva e consuma.

Ecco un breve riassunto su quello che è accaduto in Canada fino ad oggi …

Legalizzazione della marijuana in Canada - Paradise SeedsCome sarà la legalizzazione in Canada?

È un frequente argomento di dibattito tra che è responsabile delle politiche e chi le subisce (consumatori di cannabis e coltivatori). Sebbene il governo non da ancora una risposta ai suoi cittadini, è vero che, per lo meno, pone le domande esatte. Una recente indagine online ha generato risposte da parte di 30.000 utenti a quesiti tipo: “Permetteresti il consumo di cannabis in ogni spazio pubblico/aperto fuori da casa tua?” o “In che misura, se tale, dovrebbe essere permessa l'auto-coltivazione in un sistema legale?”, e ancora “Quali sono le tue visioni sull’età minima per l’acquisto e possesso di marijuana?”. I risultati dell risposte al questionario saranno resi disponibili al governo nel mese di novembre.

Che cosa sta succedendo ai dispensari canadesi?

Visto che il governo è arrivato al potere grazie alla promessa pro-legalizzazione, un’ondata di aperture di dispensari si è verificata nella maggiori città canadesi. A Vancouver, ad esempio, si stima ci siano più di 120 dispensari in servizio. Secondo la legge federale, queste attività rimangono illegali tanto che numerosi blitz sono stati intrapresi nella capitale Toronto allo scopo di chiudere gli stessi esercizi, compreso quello del Principe canadese dell’Erba, Mark Emery. Tuttavia, la situazione è molto incerta e poco definita, come dimostrano le autorità di Vancouver e la British Columbia (patria della leggendaria erba BC) che concedono ai dispensari di operare in presenza di una licenza e in osservanza delle rigide linee guida.

Cosa succede ai coltivatori di marijuana medicinale?

Legalizzazione della marijuana in Canada - Paradise Seeds A seguito della decisione dell corte di giustizia, risalente a febbraio, i coltivatori a scopo medico hanno ottenuto il permesso di coltivare nelle loro case. Il Canada, però, si avvale di 35 growers autorizzati dal governo per il rifornimento di marijuana medicinale (secondo il sistema del governo precedente) che si oppongono a questa situazione! La regolamentazione del mercato a seguito della legalizzazione, quindi, potrebbe avere un impatto sullo status degli auto-coltivatori.

Cosa sta succedendo alle leggi sulla cannabis in Canada?

Sebbene è certo che le notizie sulla pronta legalizzazione in Canada hanno fatto felici molte persone del business, resta ancora in dubbio come questo funzionerà di fatto. Ci sono due scuole di pensiero: il primo prevede l’apertura di un libero mercato, il secondo l’introduzione di un sistema altamente regolamentato. Tuttavia, il segno che il grande business non ha fretta di unirsi alla rivoluzione verde del paese è arrivato quando due delle più grandi banche canadesi hanno annunciato che non deterranno conti bancari di nessuna attività relazionata con l’industria della marijuana.

Cosa sta succedendo alle leggi sulla cannabis in Canada?

I legislatori si sono trovati d’accordo su alcuni aspetti della materia, come l’impostazione di un’età minima per l’acquisto di marijuana (probabilmente 21 anni) e si sono impegnati a non far cadere i profitti nelle mani dei criminali; ciò suggerisce che le vendite in un Canada legalizzato saranno possibili solo attraverso l’approvazione del governo. Fino a che ci sarà una legge federale, la situazione legale in ogni parte del paese sarò incerta, essendo l’applicazione della stessa legge diversa in base a province e municipalità.

Fino a che il Canada correrà lungo la strada della legalizzazione, Paradise Seeds continuerà a tenere gli occhi aperti ed informarvi su eventuali sviluppi. Se altri governi seguiranno questo esperimento, ciò che succede in Canada potrebbe presto avere profonde conseguenze per i consumatori di cannabis di tutto il mondo.