Contaminated Cannabis

Cosa c'è nella tua cannabis? Nella comunità della cannabis questa domanda di solito ruota attorno agli aspetti positivi - THC, CBD e altre percentuali di cannabinoidi, flavonoidi, terpeni - ma molto raramente consideriamo le cose nocive - come la contaminazione della cannabis.

I consumatori di cannabis vivono spesso all'interno di una bolla circondata da un rivestimento protettivo di positività sulla pianta e sulla cultura circostante. Forse è un meccanismo di autodifesa provocato da anni di demonizzazione da parte della società, ma a volte ci rende ciechi alle realtà più spiacevoli.

Gli straordinari cambiamenti nella vita quotidiana portati dalla crisi del Coronavirus ci hanno fatto ripensare a routine, abitudini e comportamenti che non avevamo mai messo in discussione prima. Questo periodo ha anche portato una nuova attenzione alla salute personale e alle abitudini di vita che possono influenzarlo. Molti consumatori di cannabis sono alla ricerca di modi più sani di consumare e stanno anche iniziando a dare un'occhiata più da vicino alla salubrità della loro scorta.

Il problema con l'acquisto dalla strada è che non hai davvero idea da dove provenga la tua cannabis e cosa ci sia dentro. Per loro natura, i commercianti di strada tengono d'occhio solo i loro profitti, non la tua salute. Non lasciarti illudere: la cannabis che hai comprato da un commerciante di strada non è stata coltivata biologicamente in condizioni sterili da un coltivatore in camice bianco e guanti!

Cannabis Contaminata – Sotto al Microscopio

Uno dei grandi vantaggi della cannabis è il fatto che è "naturale", ma l'intero processo di crescita, raccolta, essiccazione e conservazione della materia vegetale aumenta il rischio di contaminazione. Anche sotto l'egida della coltivazione e della vendita "legali" di cannabis attraverso i dispensari la produzione su larga scala comporta il rischio di contaminazione da pesticidi e metalli pesanti (la pianta di cannabis è un iperaccumulatore riconosciuto, che assorbe i metalli pesanti nel suolo).

Quindi cos'altro potrebbe esserci nella tua cannabis? Gli insetti morti sono molto più comuni di quanto si possa pensare (i coltivatori di erba di strada eliminano l'intero raccolto quando scoprono di avere un'infestazione da acari di ragno?No) E i funghi sono un altro componente di infezione che viene regolarmente messo in evidenza nei test sugli affari di strada - in particolare la muffa di Aspergillus, che può causare seri problemi a chiunque abbia un sistema immunitario compromesso.

L'episodio del Coronavirus ci ha insegnato tutti i vantaggi di lavarsi accuratamente le mani, ma i test sui campioni di cannabis hanno evidenziato la frequente esistenza di batteri correlati alle feci come E. coli e salmonella, nel 1981 la cannabis contaminata da salmonella ha colpito 81 persone in tutti gli Stati Uniti.

Cannabis Contaminata – Un case study

Uno studio del 2019 dell'Università Complutense di Madrid ha messo in evidenza i peggiori sospetti dei fan dell'hash quando ha condotto test su 90 campioni acquistati dalle strade della capitale spagnola per contaminazione da cannabis - ponendo una nuova enfasi sulla frase "smoking good shit”.

I peggiori erano i granuli di hashish (o "ovuli") che sono un affare comune in Spagna. Spesso vengono pesantemente avvolti in un film plastico accompagnato da un odore denso che trascende l'odore aromatico dell'hashish. Se i fumatori di hashish avevano i loro sospetti, questo studio li ha confermati; il 93% dei campioni conteneva batteri E. coli e il 40% odore di feci. C'è una buona ragione per cui quegli ovuli hanno le dimensioni di una caramella e ciò che entra nella bocca di un trafficante di hash deve uscire da un’altra parte...

Come evitare Cannabis Contaminata?

Il problema con la cannabis è che, nonostante la legalizzazione in molte parti del mondo, le sue radici provengono ancora dal mercato sotterraneo e nero. Questo è il motivo per cui gran parte del dibattito post-legalizzazione riguarda il tipo di regolamentazione e tutela dei consumatori che è la base in qualsiasi altro settore di prodotti.

Fino a quando non verrà rispettato uno standard di sicurezza universale - che, realisticamente, richiederebbe una legalizzazione universale della coltivazione della cannabis (stranamente quel tempo potrebbe avvicinarsi mentre affrontiamo lo shock economico del blocco del Coronavirus) - l'unica soluzione efficace è avere il controllo del proprio prodotto creandolo da soli.

Sfortunatamente la coltivazione domestica è ancora illegale nella maggior parte dei paesi e fino a quando questa situazione non cambierà, la contaminazione della cannabis continuerà ad essere un aspetto negativo nell'uso della pianta che gli utenti - specialmente quelli che usano per ragioni mediche - devono prendere in considerazione.