ExpoMedeWeed Medellin Colombia - Paradise SeedsIl mese scorso, Paradise Seeds ha fatto ritorno in Sud America per godersi un po’ del calore e del sole dell’emisfero australe, e per aggiornarsi sugli ultimi sviluppi della scena cannabica del continente.

ExpoMedeWeed Medellin Colombia - Paradise SeedsA novembre abbiamo per la prima volta visitato una fiera colombiana, riservando il nostro stand alla Expo Mede Weed di Medellin. È stata un’esperienza fantastica e abbiamo davvero potuto assistere da vicino ai cambiamenti in atto nel paese. Inutile dire che è stato particolarmente ispirante constatare che la cannabis è oggi vista sotto una buona luce in un paese che, per anni, ha sofferto le tragiche conseguenze del commercio della cocaina.

Abbiamo l’impressione che la Colombia sia pronta per un’eccitante nuova era cannabica - specie perchè è un posto in cui cresce alcuna dell’erba più buona al mondo. La combinazione del clima e del caldo sole equatoriale rendono la Colombia il paese in cui è possibile generare 4 raccolti outdoor l’anno!!

Il governo colombiano dice sì alla cannabis medicinale

Un anno fa, il presidente colombiano Juan Manuel Santos ha firmato il decreto per rendere legale l’uso domestico della cannabis medicinale e permettere la coltivazione commerciale, che comprende le fasi di processamento ed esportazione dei prodotti di cannabis (ma non nella forma di infiorescenze). Il presidente non ha tenuto nascosto il suo consumo passato di cannabis, quando era studente nel 1970. Lui stesso ha annunciato che i cambiamenti degli obiettivi politici andranno a posizionare la Colombia “all’avanguardia nella lotta alle malattie”.

Colombia Medical Marijuana - Paradise SeedsCon una popolazione appena superiore ai 47 milioni di abitanti, si stima che approssimativamente 400.000 di colombiani - che soffrono i sintomi di patologie come epilessia, cancro e sclerosi multipla - potrebbero trarre beneficio dalla nuova situazione legale. Anche se i progressi finora sono stati molto più lenti di ciò che ci si aspettava (rispecchiando l’esperienza post-legalizzazione dell’Uruguay), una manciata di licenze è già stata concessa per il processamento dei derivati della cannabis medicinale.

Si spera che la nuova era della cannabis medicinale possa avere un effetto sociale positivo nella società colombiana. Il commercio della droga è stato un aspetto prominente del conflitto colombiano, con i ribelli della FARC che tassavano i coltivatori di marijuana e cacao per finanziare le loro attività di guerriglia durante i 52 anni di guerra civile. Tuttavia, a seguito dell’accordo di pace tra il governo e FARC, alcuni vedono questa come un’opportunità per usare programmi alternativi di sviluppo per costruire un futuro più stabile per la nazione.

Edward Garcia, sindaco di Corinto (centro della regione colombiana in cui si coltiva marijuana), ha recentemento raccontato al quotidiano The Guardian che: The Guardian: “porrà fine alle economie illegali che hanno alimentato il conflitto”. Egli è stato al primo posto nell’impegno a costruire la cooperativa dei coltivatori di cannabis, con la speranza di essere l’elemento chiave nella catena di fornitura di cannabis medicinale.

Come già riportato tra le notizie di Paradise Seeds, negli ultimi due anni l’America Latina ha assistito ad un generale cambiamento in tema di cannabis, con alcune nazioni impegnate nella sperimentazione di legalizzazione decriminalizzazione della cannabis. Ciò che ci sembra particolarmente incoraggiante in tutto questo è l’atmosfera progressista che accompagna il cambiamento.

Come in Cile, dove la Fondazione Daya sta lavorando duramente per poter stabilire un modello di cannabis medicinale più sociale (e meno orientato al profitto), la Colombia sta mettendo al centro dei cambiamenti legali i benefici salutari della pianta. Dopo la fine dell’era colombiana della coca si spera che la cannabis possa contribuire alla nascita di una nuova era, caratterizzata dalla guarigione della nazione…