A parte la luce, l'altro ingrediente essenziale per far crescere i semi di cannabis è ovviamente l'acqua. Mentre molti coltivatori annaffiano le loro piante a mano, la routine di irrigazione quotidiana può essere un vero stress. Esistono diversi prodotti sul mercato che offrono l'irrigazione "a mani libere", ma il sistema a stoppino per annaffiare le piante di cannabis è una soluzione economica e semplice da configurare.

Queste informazioni saranno utili a quei coltivatori che hanno appena acquistato i loro primi semi di cannabis e anche a coltivatori più esperti che stanno cercando di modificare la loro configurazione per una maggiore comodità. Il seguente articolo dà un'occhiata a come impostare un sistema per la coltivazione indoor e outdoor. La cosa grandiosa dell'utilizzo del metodo a stoppino è che i costi di installazione sono minimi, qualcosa che puoi realizzare con oggetti di uso quotidiano che spesso si trovano in casa.

Allora perché usare il metodo a stoppino per annaffiare le tue piante di cannabis? Bene, ci sono una serie di vantaggi in questo sistema. L'ovvio vantaggio è eliminare il fastidio dell'irrigazione quotidiana. La maggior parte dei coltivatori ha avuto l'esperienza a tarda notte di ricordare che le piante non sono state nutrite (accompagnate da forti imprecazioni!), E cosa succede se vuoi andartene per qualche giorno? Non è come chiedere al vicino di dare da mangiare al gatto..

Oltre alla comodità, ci sono anche altri vantaggi. Il sistema a stoppino funziona con un mezzo non terroso e quindi fornisce un ambiente sterile che elimina la presenza di parassiti nel suolo e riduce la minaccia di malattie e muffe.

Il Wick System è l'idroponica di base per la coltivazione indoor

Molti coltivatori di cannabis indoor diffidano dei sistemi idroponici, specialmente quelli con poca esperienza di coltivazione. L'adozione di metodi come NFT (Nutrient Film Technique) e DWC (Deep Water Culture) richiede una pianificazione anticipata e, naturalmente, investimenti in attrezzature. Inserire il metodo dello stoppino, che è l'idroponica al suo livello di base e più semplice.

Grazie alla sua natura a bassa tecnologia, non ci vuole uno scienziato per impostare un sistema di stoppino, e in effetti l'allestimento potrebbe scuotere i ricordi di essere un bambino e fare semplici esperimenti con i tuoi compagni, spesso condotti con il taglio di bottiglie di plastica ! Lo "stoppino" in questione può essere realizzato con qualsiasi materiale assorbente, ad esempio i fili di una scopa vecchia, bende o strisce di vecchi indumenti di cotone.

Per impostare un sistema a stoppino, un coltivatore avrà bisogno di un vaso, sospeso sopra un serbatoio, cioè un vassoio di plastica. Lo stoppino passa attraverso i fori sul fondo del vaso e il fondo dello stoppino si trova nel serbatoio. Il vaso richiede una piattaforma rialzata: al suo livello di base potrebbe essere un pezzo di legno posato sopra a mattoni.

È importante ricordare che nei vasi non viene utilizzata terra quando si utilizza un sistema a stoppino per annaffiare le piante di cannabis. Invece il vaso è riempito con substrati di coltivazione idroponici, come perlite, palline di argilla o fibra di cocco (spesso venduta come cocco). Questi dovrebbero coprire metà dello spazio del vaso, in modo tale che lo stoppino sia tenuto saldamente in posizione, fornendo anche un'ancora per la pianta. Se stai coltivando da seme di cannabis, dovrai prima coltivarlo fino allo stadio di piantina e poi trapiantarlo nel medium (in modo che la pianta abbia sviluppato le radici necessarie per interagire con il sistema a stoppino attraverso il contatto).

Una volta impostato il sistema, l'acqua e le sostanze nutritive verranno fornite alla pianta tramite il serbatoio, con la natura che prende il sopravvento (la pianta prenderà ciò di cui ha bisogno tramite lo stoppino). L'unico aspetto negativo del sistema a stoppino è che è essenziale mantenere la soluzione acqua / nutriente in movimento e ossigenata per evitare il ristagno. Sebbene un terreno di coltura poroso dovrebbe consentire l'aerazione necessaria, investire in una pompa d'aria assicurerà che ci sia abbastanza ossigeno che circola nel serbatoio.

Wick System per una coltivazione all'aperto senza problemi

Non sono solo i coltivatori indoor a soffrire di ansia da irrigazione. Oltre alle ovvie ragioni per una soluzione di alimentazione autosufficiente a bassa manutenzione, il metodo dello stoppino offre al giardiniere outdoor più libertà e tranquillità. Il sistema a stoppino da esterno è particolarmente utile per i coltivatori di cannabis nelle latitudini meridionali, dove il sole è più forte e le temperature sono più calde, il che porta problemi significativi per la gestione dell'acqua in uno spazio di coltivazione di cannabis all'aperto.

Uno degli ovvi vantaggi di lavorare un appezzamento di coltivazione di cannabis all'aperto è lo spazio con cui un coltivatore deve giocare. Quindi, per un allestimento all'aperto, il lato dell'attrezzatura delle cose può essere ridimensionato per supportare un vaso più grande (quindi producendo piante più grandi), Che può essere ottenuto utilizzando vassoi di coltivazione più grandi per le piscine per bambini. Il principio è esattamente lo stesso del metodo indoor, e tra le guide per lavorare con allestimenti più grandi all'esterno, c'è questa dell'esperto di cannabis Ed Rosenthal.

Sì, potrebbe essere un atto di fede abbandonare il tuo metodo tradizionale di coltivazione per qualcosa di nuovo, quindi inizia con una prova. Ma se non ci provi non saprai mai se il sistema a stoppino per annaffiare le piante di cannabis è il metodo giusto per te!