All’inizio del 2014 ci è arrivata una mail dal Cile. Ci raccontavano di un progetto ambizioso che stava prendendo forma all’interno della Fondazione Daya. Il loro sogno era quello di guadagnare l’approvazione del governo per una piantagione di marijuana, da utilizzare per scopi terapeutici tra i pazienti locali di un distretto della capitale, Santiago.

Allora sembrava un’impresa impossibile; la cannabis era illegale e l’importazione di semi proibita. Tuttavia, l’impegno dimostrato da Daya unito alla passione per questo progetto hanno portato noi, qui a Paradise Seeds, a dire sì - fate in modo che tutto questo succeda e vi daremo i nostri semi!

Alla fine del 2014, nella municipalità di La Florida, i coltivatori della Fondazione Daya stavano dedicandosi alla prima coltivazione legale di cannabis medicinale (leggi la storia qui). Questa è la prova che a volte i sogni si avverano!

Medicina Verde - Documentario sulla Cannabis Medicinale

Il 15 dicembre, Paradise Seeds TV lancerà Medicina Verde: Revolución Chilena del Cannabis Medicinal, un documentario indipendente realizzato dal filmmaker Diego Estay (guarda il trailer sottostante). Il film, in lingua originale spagnola e sottotitolato in inglese, racconta la storia del viaggio della Fondazione Daya e di come questo abbia influenzato l’opinione cilena.

Documentario completo QUI.

Per realizzare il film, con la co-produzione di Paradise Seeds, il team di Diego ha seguito i progressi della Fondazione Daya per un periodo di sei mesi, dalla semina al raccolto. Durante questo tempo, sono state condotte interviste a politici cileni, attivisti, scienziati impegnati nella ricerca sulla cannabis medica e pazienti; questi ultimi hanno sperimentato un miglioramento della qualità della vita grazie a questa pianta.

Il film ci regala una storia che stringe il cuore: è quella di Emilia. Sua madre scoprì l’olio di cannabis dopo numerose ricerche per trovare un’alternativa ai farmaci; fondamentale é stato l’aiuto trovato presso la Fondazione Daya e Mama Cultiva.

Emilia sorride. Quel sorriso che le illumina il piccolo viso è lo stesso che ha fatto cambiare idea a quei politici che sembravano non volersi distanziare dalle solite, retoriche opinioni.

Harvesting the Paradise Seeds plants at Daya Foundation ChileClaudio Venegas, editore della rivista Cáñamo Chilen, dice del film “Quando demonizzi la cannabis, vengono demonizzati anche i suoi consumatori, perché è troppo facile in questo paese dare la colpa alle droghe invece di costruire scuole decenti, alzare il salario minimo, costruire case accoglienti per le persone.”

Cambia la percezione riguardo la cannabis medicinale

Parlando del film, Diego dice: “Ogni giorno di riprese aveva qualcosa di speciale. Tutti i personaggi che compaiono nel documentario hanno tanto da dare, e insegnare.

Ciò che è importante é che il film ha catturato i principali cambi di rotta che si sono verificati in Cile negli ultimi anni. Le persone stanno acquistando potere; decidono che cosa è giusto e che cosa è sbagliato. Ciò fa si che la politica si debba adeguare, e di conseguenza cambiare, evolvere.

Una nuova generazione di politici sta portando le proprie idee innovative in Congresso, aprendo le porte a Fondazione Daya, Mama Cultiva e altre cause nate con l’intento di poter usare la cannabis per uso medicinale.

Credo che ci si possa collegare ad una generale presa di coscienza. La marijuana funziona da collante, e tiene insieme lo strato sociale, economico e politico delle nostre società.”