Phenotypes

I benefici della coltivazione di cannabis indoor  sono ben noti e avere la capacità di controllare l'ambiente di una pianta in ogni fase della sua vita ha evidenti vantaggi. Tuttavia, ogni giardiniere outdoor ti dirà che i germogli coltivati ​​in condizioni naturali sono dotati di qualcosa di speciale.. l'ingrediente magico della vera luce solare! Tuttavia, il viaggio dal seme alla raccolta richiede un'attenta navigazione per superare i comuni problemi di coltivazione della cannabis outdoor.

Ogni giardiniere outdoor ha vissuto questo scenario; i semi di cannabis sono spuntati, le piantine sono spuntate e sono state collocate all'esterno a Maggio (o Ottobre nell'emisfero meridionale) e per un paio di mesi hanno dimostrato grande salute e vitalità. Poi una mattina controlli e trovi un difetto - forse le foglie mostrano segni di scolorimento, i bordi si sono girati o sono comparsi strani punti..

Questo è il punto in cui il coltivatore di cannabis outdoor deve fare un po 'di lavoro investigativo! Senza quel setup controllato dovrà indossare il cappello di Sherlock (e ovviamente attizzare la pipa!) per risolvere gli indizi. Raramente la diagnosi è un processo semplice - spesso si devono eliminare altri problemi di coltivazione di cannabis outdoor per trovare una soluzione - ma qui ci sono alcuni fattori alla base di problemi comuni riscontrati nel giardino.

Outdoor Cannabis Grow Problems: Ambiente 

Ogni giardino e spazio esterno è diverso; regione settentrionale a regione meridionale, clima soleggiato a clima piovoso, con diversi suoli, vegetazione circostante e diversi parassiti e malattie che hanno deciso di preferire il tuo giardino a quello di qualcun altro. Per conoscere il tuo problema è essenziale essere consapevoli del proprio ambiente.

Calore, Vento e Pioggia

Il bollettino meteorologico è una lettura essenziale per qualsiasi coltivatore di cannabis outdoor perché gli elementi possono svolgere un ruolo significativo nei problemi delle piante di cannabis. Nelle regioni meridionali, il caldo estremo è nemico di una crescita sana delle piante, causando stress termico che si manifesterà attraverso l'arricciamento dei bordi e delle punte delle foglie. Mentre la mancanza di acqua è un problema ovvio, ma a volte il problema è più vicino a casa sotto forma del tuo medium di coltivazione. Semplici errori, come l'uso di un vaso nero che assorbe il calore o il mantenimento della pianta su una superficie che assorbe il calore (ad es. cemento o piastrelle) sono anche frequenti cause di stress da calore.

Nelle regioni settentrionali, dove le condizioni possono oscillare drammaticamente durante l'Estate, l'ustione da vento può essere un problema. Questa si manifesterà in piccole macchie marrone / bronzo verso il centro delle foglie e un leggero ingiallimento alla base della foglia. Questa condizione è spesso confusa perché le macchie possono essere facilmente diagnosticate erroneamente come bruciature da nutrienti (che influenzano le punte delle foglie). Anche l'eccessiva pioggia può essere un problema, dando a batteri e funghi le condizioni ideali per diffondere malattie che produrranno carie fogliari e macchie marroni, che sono spesso il risultato del marciume radicale delle piante troppo sature.

Outdoor Cannabis Grow Problems: Parassiti

A Giugno e Luglio il tuo giardino diventa l'equivalente degli insetti di The Purge! A seconda della parte del mondo in cui crescono le tue piante di cannabis determinerà quali parassiti potrebbero causare problemi di coltivazione di cannabis outdoor, anche se alcuni di questi parassiti sono universali.

I parassiti comuni includono gli acari di ragno rosso che si nutriranno delle riserve di clorofilla della tua pianta, producendo piccole macchie bianche o gialle sulle foglie. Altri sospetti sono afidi (aka greenfly e blackfly) e moscerini dei funghi, che si agganciano alla tua pianta e aspirano i succhi. Quando il danno diventa chiaro (avvizzimento o foglie gialle) hai un'infestazione da risolvere.

La migliore prevenzione per tutti i parassiti è la prevenzione e la vigilanza. Prendi l'abitudine regolare di controllare la parte inferiore delle piante. Se vedi dei piccoli punti sulla superficie, potrebbero essere dei parassiti o solo dei granelli di sporco, quindi metti un foglio di carta bianco in basso, tocca la foglia e studia attentamente cosa cade. Dai un'occhiata all'archivio delle news di Paradise Seeds per altri consigli specifici su parassiti delle piante di cannabis e trattamenti antiparassitari delle piante di cannabis

Prima di lasciarci alle spalle i parassiti, ce n'è ancora uno, il cui nome susciterà sicuramente il terrore nel cuore di ogni coltivatore di cannabis: Phorodon Cannabis! L'afido della Cannabis è relativamente raro, ma questo è un insetto che ha lo sgranocchiare la cannabis nel suo codice genetico!

Lavora con Madre Natura!

Molte persone pensano che sia facile coltivare cannabis all'esterno ("È un'erbaccia, giusto? Crescerà ovunque!"), Ma la verità è molto più complicata. Crescere al naturale porta i suoi frutti ma, come in tutte le esperienze di giardinaggio, è fondamentale rispettare le forze di Madre Natura.

È molto raro che le piante outdoor raggiungano il raccolto senza segni. L'importante da ricordare è non farsi prendere dal panico ai primi segni di danno e intraprendere azioni affrettate! Sii metodico nella diagnosi; cosa hai fatto tu o il tuo ambiente negli ultimi giorni per influenzare i cambiamenti nelle tue piante? Sebbene le piante di cannabis siano incredibilmente resistenti, risolvere gli indizi sarà la differenza tra una pianta sopravvissuta e una pianta rigogliosa. Buona fortuna Sherlock! Non dimenticare la tua pipa..