Paradise Seeds è molto lieta di accogliere un nuovo guest blogger nel team. La dott.ssa Viola Brugnatelli è direttrice scientifica di Cannabiscienza, un'accademia di e-learning per operatori sanitari italiani sulla cannabis medica e sul sistema endocannabinoide. È docente in materia presso l'Università di Padova (Italia), dove è anche ricercatrice presso il Dipartimento di Neuroscienze. È Ambasciatrice italiana dell'ICAM (International Association for Medical Cannabis).

Nel blog di questo mese, parliamo dell’uso della cannabis nel trattamento dei problemi dermatologici.

dermatitis

Dermatite: Trattamento con Medical Cannabis 


I dati finora disponibili sull'uso dei cannabinoidi per il trattamento di problemi dermatologici indicano un ampio spettro di applicazioni potenzialmente utili. Sfortunatamente, la maggior parte dei dati è attualmente di laboratorio e mancano studi randomizzati e controllati su questo argomento. Diamo un'occhiata alle applicazioni della cannabis medica per la dermatite.

Cos’è la Dermatite?
La dermatite - o più propriamente eczema - è una reazione cutanea infiammatoria, non infettiva, che provoca un'eruzione cutanea caratterizzata da prurito, eritema, presenza di vescicole e / o croste. I tipi più comuni di eczema sono: - dermatite da contatto - eczema asteatotico - eczema atopico. Insieme, colpiscono circa il 3,5% della popolazione mondiale e sono principalmente dovuti a fattori genetici o ambientali.

Sistema endocannabinoide: modulazione per la dermatite

Anche nella dermatite, vari studi dimostrano che la modulazione dell'azione del sistema endocannabinoide potrebbe dare buoni risultati. In uno studio condotto su animali da laboratorio, è stato dimostrato che i recettori CB2 sono coinvolti nella dermatite da contatto, così chiamata perché sono causati dal contatto con irritanti o allergeni: utilizzando sia attivatori che bloccanti del CB2, si è verificato un aumento dell'infiammazione ma, usando agonisti inversi (che legano e inattivano il recettore), sia sistemicamente che localmente, è stata ottenuta una diminuzione dell'infiammazione. (1)

L'eczema asteatotico, che è comune negli anziani, è caratterizzato da prurito, pelle secca, ruvida e traballante ed è spesso aggravato durante la stagione secca invernale a causa dell'interazione tra vari agenti ambientali - come sapone e altri detergenti - e la pelle . In uno studio clinico randomizzato, in doppio cieco, condotto su 60 pazienti con eczema asteatotico, si è scoperto che una crema emolliente contenente palmitoiletanolamina (PEA) e acetletanolamina (AEA) simili a cannabinoidi è efficace nel migliorare l'idratazione, la secchezza della pelle e il prurito. (2)

La dermatite atopica si presenta come un'infiammazione improvvisa della pelle, caratterizzata da secchezza, prurito e formazione di eritema e vescicole. Poiché la sua causa è sconosciuta - si pensa che sia dovuta a una combinazione di fattori ereditari, stress e cambiamenti stagionali - i rimedi in uso trattano i sintomi ma non la causa.

Numerosi studi hanno dimostrato che il PEA (una sostanza chimica a base di grasso che è un analgesico naturale) può essere un trattamento molto efficace nella dermatite atopica. La PEA inibisce l'azione dell'enzima FAAH, che metabolizza gli endocannabinoidi; così facendo, aumenta la disponibilità di anandamide che, attraverso i recettori TRPV1 presenti sulle cellule della pelle, esercita un effetto anti-prurito. (3) PEA svolge anche un'azione anti-prurito diretta, attraverso l'azione su CB2: Mymix, una crema a matrice lamellare contenente PEA, riduce il prurito e l'infiammazione della pelle e aumenta la remissione della dermatite atopica. (4)

È stato condotto uno studio osservazionale prospettico su 2456 pazienti dai 2 ai 70 anni di età, in cui una crema a base di PEA, oltre ad alleviare i sintomi della dermatite atopica, ha ridotto l'uso di preparati topici a base di cortisone. (5)

Inoltre, il CB1 può anche essere coinvolto nella dermatite atopica. A questo proposito, anche i preparati contenenti tetraidrocannabinolo (THC) o simili si sono dimostrati efficaci nel trattamento di questo tipo di dermatite, suggerendo l'efficacia del trattamento medico con cannabis per la dermatite. (6)

Acne Vulgaris

Per errore, l'acne è considerata una caratteristica naturale dell'età adolescenziale-giovanile; in realtà, è una vera malattia infiammatoria, a volte cronica, di solito dovuta a un'infiammazione delle ghiandole sebacee della pelle con iper produzione di sebo che causa i cosiddetti brufoli e prurito. (7)

Acne e Sistema Endocannabinoide

Nell'uomo sono stati trovati endocannabinoidi nelle ghiandole sebacee, che esprimono anche i classici recettori dei cannabinoidi CB2, la cui attivazione aumenta la produzione di sebo. (8) Oltre al CBD, altri fitocannabinoidi si sono dimostrati efficaci nel ridurre la produzione di sebo e l'infiammazione locale, come Tetrahydrocannabivarin (THCV), Cannabidivarin (CBDV) e Cannabicromene (CBC) (9). In uno studio clinico del 2015, una crema a base di estratto di semi di cannabis, applicata due volte al giorno, è risultata efficace nel ridurre la produzione di sebo e il conseguente eritema (arrossamento della pelle), senza mostrare effetti collaterali. (10)

 

Conclusioni

Tra i campi di ricerca in cui il sistema endocannabinoide potrebbe avere applicazioni, quello delle patologie cutanee è uno dei settori più promettenti, sebbene relativamente nuovi. Attualmente non ci sono molte ricerche in questo campo, forse perché il ritorno economico di questi farmaci (in particolare i prodotti topici per la pelle) è relativamente modesto rispetto al mercato farmaceutico per altre condizioni, come le malattie sistemiche. Nonostante ciò, i dati preclinici indicano l'efficacia dei preparati a base di estratti di cannabis, analoghi PEA, CBD e THC, in numerose condizioni dermatologiche.

References: 

1) Basu S, Dittel BN. Unraveling the complexities of cannabinoid receptor 2 (CB2) immune regulation in health and disease. Immunol Res. 2011;51(1): 26-38 
2) Yuan C, Wang XM, Guichard A, et al. N- palmitoylethanolamine and N- acetylethanolamine are effective in asteatotic eczema: results of a randomized, double-blind, controlled study in 60 patients. Clin Interv Aging. 2014 Jul 17;9:1163-9
3) Tey HL, Yosipovitch G. Targeted treatment of pruritus – a look into the future. Br J Dermatol. 2011 Jul; 165(1): 5–17.
4) Kircik L. A nonsteroidal lamellar matrix cream containing palmyitoylethanolamide for the treatment of atopic dermatitis. J Drugs Dermatol. 2010;9(4):334-338.
5) Eberlein B, Eicke C, Reinhardt HW, et al. Adjuvant treatment of atopic eczema: assessment of an emollient containing N- palmitoylethanolamine (ATOPA study) J Eur Acad Dermatol Venereol. 2008 Jan;22(1):73-82.
6) Wollenberg A, Seba A, Antal AS. Immunological and molecular targets of atopic dermatitis treatment. Br J Dermatol. 2014 Jul;170 Suppl 1:7-11.
7) Moradi Tuchayi S, Makrantonaki E, Ganceviciene R, et al. Acne vulgaris. Nat Rev Dis Primers. 2015 Sep 17;1:15029
8) Dobrosi N, Tóth BI, Nagy G, et al. Endocannabinoids enhance lipid synthesis and apoptosis of human sebocytes via cannabinoid receptor-2-mediated signaling. FASEB J. 2008;22(10):3685-3695