autoflowers

Questo mese segna il 60° anniversario di un evento che ha influenzato, direttamente o indirettamente, ogni persona che ha fatto uso di cannabis negli anni successivi al 1961. È stato il 30 marzo di quell'anno che gli Stati membri delle Nazioni Unite hanno firmato la Convenzione Unica delle Nazioni Unite sugli stupefacenti Droga, un trattato internazionale che da allora ha influenzato l'atteggiamento del governo nei confronti della cannabis.

Tuttavia, mentre cade il 60 ° anniversario, eventi recenti suggeriscono che mentre l'era della Convenzione Unica potrebbe non essere ancora giunta al termine, deve adattarsi a una realtà globale mutevole e all'accettazione del fatto che la cannabis non è il demone che era percepito 60 anni fa.

Nel dicembre 2020, la Commissione delle Nazioni Unite sugli stupefacenti, più comunemente nota con la sigla CND, ha votato per rimuovere la cannabis dalla Tabella IV della Convenzione Unica delle Nazioni Unite sugli stupefacenti del 1961, riconoscendo per la prima volta i meriti della cannabis medica. Questa decisione è stata il risultato di un voto dei delegati dei 53 Stati membri che compongono il CND e rappresenta un momento storico nella campagna per riconoscere i benefici terapeutici della pianta di cannabis.

Perché la Convenzione Unica sugli stupefacenti è importante?


Gli studenti della War on Drugs sapranno che la Convenzione Unica delle Nazioni Unite sugli stupefacenti è una delle pietre miliari delle politiche nazionali sulla droga di molti governi. Questo perché i trattati internazionali, formati a livello delle Nazioni Unite, sono vincolanti per tutti i membri e qualsiasi paese che infranga quel trattato rischia di essere censurato con sanzioni. Di conseguenza, molti paesi integrano automaticamente i trattati internazionali nel diritto nazionale. Ciò ha portato a restrizioni sistemiche che hanno opzioni governative limitate per attuare la riforma della cannabis ricreativa e medica.

Ironia della sorte, sono i cambiamenti che vengono introdotti negli Stati Uniti - uno dei principali motori della convenzione originale - che hanno contribuito a cambiare il panorama in modo così drammatico negli ultimi anni. All'indomani delle elezioni del 2020, 15 stati (più Washington D.C.) hanno votato sì alla cannabis ricreativa, con 34 stati che consentono il consumo di cannabis medica.

Quanto è stato significativo il voto sulla cannabis delle Nazioni Unite?

Mentre i titoli suggeriscono una decisione fondamentale, la realtà è un pò più complicata. Il CND votava sulle raccomandazioni avanzate dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e la rimozione della cannabis dalla Tabella lV (sostanze viste come aventi "poco o nessun uso terapeutico") era solo una delle sei raccomandazioni dell'OMS alla CND. Queste includevano anche la rimozione del THC dalla convenzione del 1971 al trattato, la rimozione di "estratti e tinture" contenenti cannabis e un chiarimento internazionale sulla situazione giuridica relativa ai preparati di CBD e una percentuale accettabile di THC consentita.

Non solo le altre cinque raccomandazioni dell'OMS sono state respinte dai membri del CND, ma la rimozione della cannabis dalla Schedule lV è stata vinta con un margine molto stretto (27 voti a favore, 25 contrari, 1 astensione). Significativamente alcune delle maggiori potenze mondiali, tra cui Cina, Russia e Brasile, erano tra i paesi che hanno votato contro.

Cosa significa il voto dell’ONU per i consumatori di Cannabis?


La realtà è che ben poco cambierà sul campo per i consumatori di cannabis a breve termine, e nei paesi che hanno votato "no" l'unico vero riconoscimento per la cannabis medica è nel campo della ricerca scientifica. La decisione non significherà necessariamente il via libera per una maggiore riforma della cannabis medica negli stati che hanno votato a favore.

Attraverso il Paradise Seeds Medical Program, parliamo con molti pazienti che si trovano nella posizione di dover coltivare la propria cannabis medica a causa di una fornitura inadeguata da fonti ufficiali nazionali. Dalle nostre conversazioni è ovvio che questo è un problema affrontato in molti dei circa 50 paesi che - sulla carta - hanno un programma di cannabis medica sponsorizzato dallo stato a causa di vari problemi burocratici e della catena di approvvigionamento.

Quindi, mentre questa decisione apre davvero la porta a una ricerca più scientifica e medica sulle proprietà salutari della cannabis come medicina- un fatto di cui un'azienda di semi di cannabis come Paradise è a conoscenza da molti anni - è improbabile che cambi a livello internazionale la posizione sulla  legalità della cannabis almeno ancora per un po '. Tuttavia, i consumatori di cannabis sperano che questa decisione abbia avviato una reazione a valanga che a lungo termine porterà all'abbattimento dei pregiudizi e promuoverà una maggiore riforma della cannabis come terapia in tutto il mondo.