Shopping Cart
Fast & Discreet shipping

Veloce e discreto

| Finest Quality

Qualità migliore

| Excellent service

Servizio eccellente

SPIDER MITES BLOG COVER 1200X628 ITA | Paradise Seeds | Massima qualità, genetica originale

Abbiamo infettato una pianta con acari rossi…

Pianta infettata da acari rossi

Di tutti i parassiti del mondo della cannabis ce n’è uno che ha il potere di incutere terrore nel cuore di ogni coltivatore di marijuana: il ragnetto rosso (noto anche come acaro a due macchie o Tetranychus urticae). Questo minuscolo parassita, troppo piccolo da vedere senza l’aiuto di una lente d’ingrandimento, ha una reputazione spaventosa nel distruggere raccolti di cannabis.

La maggior parte degli articoli che leggerete sugli acari si concentrerà naturalmente sui trattamenti per la loro rimozione. Ciò che tutti questi articoli hanno in comune è l’avvertimento che se non si affronta un’infestazione, la coltura di cannabis che avete nutrito con tanto amore verrà distrutta. Questo articolo è diverso perché abbiamo deliberatamente promosso un’infestazione di acari rossi nelle piante di cannabis e abbiamo osservato cosa succede!

L’ esperimento

All’interno di una stanza di coltivazione indoor le piante di cannabis sono vulnerabili a qualsiasi parassita portato nella camera sigillata e sì, il nostro consiglio è ancora quello di farsi prendere dal panico se siete un coltivatore di erba indoor con un’infestazione di acari rossi… Tuttavia, se stai coltivando all’aperto, o in una serra/polytunnel, allora questo esperimento potrebbe esserti utile.

 

Fase 1: L’ Intuizione 

Lo scopo dell’esperimento era di vedere se – con un po’ di aiuto – la natura avrebbe portato un po’ di equilibrio alla situazione. In natura parassiti e predatori vivono fianco a fianco, dopo tutto, e il predatore di un organismo è il cibo di un altro organismo. La domanda non era “gli acari causeranno danni a una pianta di marijuana? (certo che lo farebbero!), ma piuttosto “quanto danno causeranno gli acari a una pianta di erba?”.

 

Fase 2: L’ Allestimento

Gli acari rossi di solito diventano un problema per i coltivatori outdoor nel pieno dell’estate, quando le condizioni diventano secche. Questo è particolarmente evidente nelle serre e nei polytunnel, dove l’umidità si disperde rapidamente nel calore delle giornate estive. L’altro problema con questi siti di coltivazione è che le popolazioni di acari rossi spesso scavano e si stabiliscono nel terreno, ibernandosi durante l’inverno per riunirsi di nuovo l’anno successivo per procreare, riprodursi e banchettare con le offerte della nuova stagione.

Questo è stato il caso del nostro sito di sperimentazione, un piccolo polytunnel con un problema ricorrente di acari rossi. Il terreno era acido (solfato di ferro aggiunto per abbassare il pH) e fertilizzato con letame e alghe. Durante la crescita è stato nutrito con Biobizz (Grow/Bloom/Top Max) e con estratti di compost tea in fase vegetativa.  Alti livelli di azoto sono stati associati a infestazione di parassiti, anche se in questo caso la popolazione di acari era indigena all’ambiente e una variabile nota.  

Due varietà sono state piantate nella terra –  L.A. Amnesia  e Spoetnik #1 – a una distanza di 1 -2 metri l’una dall’altra. E così queste due piante sono cresciute per due mesi e mezzo prima che gli ospiti non invitati cominciassero a comparire (alla fine di luglio), con un numero crescente di macchie bianche a spillo che apparivano sulle foglie a ventaglio più grandi. 

*A questo punto, vale la pena di osservare che mentre lo scopo dell’esperimento non era quello di testare la resistenza, gli acari hanno totalmente evitato la L.A. Amnesia e hanno deciso di chiamare Spoetnik la loro casa estiva…



Fase 3: Pacchetto di Aiuti

Predatori: Paradise Seeds è una grande sostenitrice dell’uso di soluzioni di controllo biologico di parassiti. Uno dei rimedi non tossici raccomandati per un’infestazione di ragni acari su una pianta di cannabis è l’uso di acari predatori come Phytoseiulus persimilis (un predatore reattivo che banchetta sulle popolazioni esistenti) o Amblyseius californicus e Amblyseius andersoni (che possono essere introdotti in previsione di un attacco perché possono sopravvivere per un po’ senza cibo). Perciò un esemplare di Phytoseiulus persimilis è stato aggiunto alla pianta nel tentativo di portare un certo equilibrio naturale. 

Umidità: Gli acari rossi prosperano in condizioni di caldo secco, ma non stanno così bene quando è umido, quindi una buona bagnatura ogni giorno con un irrigatore da giardino ha aiutato a mantenere un’atmosfera umida e sgradita per gli acari. Tuttavia, quando le piante sono andate in fiore alla fine di agosto, abbiamo ridotto la bagnatura per paura di favorire muffa nei germogli.

 

Fase 4: Osservazione 

Non mentiremo, non è stato bello stare a guardare gli acari che si scatenavano su una bella pianta di cannabis, e ci sono stati diversi momenti in cui la validità dell’esperimento è stata messa in discussione… Tuttavia, nonostante i danni estesi alle foglie, Spoetnik continuava a produrre bud più impressionanti di quanto ci aspettassimo.

 

Fase 5: Equilibrio

Mentre la pianta si avvicinava al raccolto, all’inizio di ottobre, il danno da acaro ha cominciato a rallentare. Questo è probabilmente il risultato del raffreddamento delle temperature (a temperature inferiori ai 25° gli acari smettono di riprodursi) e di una maggiore umidità autunnale nell’aria, o forse era un segno che gli acari predatori stavano prendendo il sopravvento. Indipendentemente da ciò, il danno non ha mai raggiunto il fatale punto di non ritorno (nessuna rete di ragnatele su larga scala) e le foglie interne sono sfuggite al tipo di pestaggio subito dalle foglie esterne a ventaglio. 

 

Fase 6: Una mano d’aiuto

Due settimane prima del raccolto, la potatura ha portato via le foglie più infette. 

 

Fase 7: Raccolta

Una volta raccolti, i boccioli sono stati tagliati a secco per togliere tutte le foglie e appesi – testando la teoria che, una volta che non c’è più materia vegetale/foglia viva su cui banchettare, allora non c’è motivo per gli acari rossi di rimanerci. In questo caso… punto provato. Nonostante tutto lo stress causato dagli acari, i germogli della pianta di Spoetnik erano sorprendentemente sani e la resa è stata una piacevole sorpresa: 81 grammi. 

 

Quindi, cosa ha dimostrato questo esperimento? Che gli acari amano le piante di cannabis (nessuna sorpresa!) e fanno danni (nessuna sorpresa). Tuttavia, con un po’ di aiuto, la natura spesso porta un po’ di equilibrio (all’aperto almeno).

Quindi la morale di questa storia è che la gestione dei parassiti è forse una strada da esplorare piuttosto che seguire la via spesso prescritta dell’eradicazione della “terra bruciata”. Sì, è un salto di fede, ma se avete un problema ricorrente di parassiti, a volte è bene pensare fuori dal vaso…

Lascia un commento

Related post