Shopping Cart
Fast & Discreet shipping

Veloce e discreto

| Finest Quality

Qualità migliore

| Excellent service

Servizio eccellente

BLIND GROWER 1200X628 IT | Paradise Seeds | Massima qualità, genetica originale

Coltivazione di Cannabis per Ipovedenti: Storia di un Coltivatore

Quando si parla di coltivazione della cannabis, troppo spesso ci si concentra sull’hardware e sul processo di coltivazione – cercando la formula perfetta per ottenere i migliori risultati. Ma ovviamente la situazione di ogni coltivatore √® diversa, e il modo in cui si coltiva (e il suo successo) √® una combinazione di molti fattori: ambiente, conoscenze, attrezzature ecc. Per i coltivatori domestici di cannabis medica, c’√® un altro fattore che spesso influenza il modo in cui coltivano. Sentiamo parlare di trattamenti a base di marijuana per determinate condizioni, ma consideriamo mai come tali condizioni influenzino il modo in cui i coltivatori domestici di cannabis medica coltivano in realt√†?

La storia di Moses, che si √® recentemente unito al programma degli Ambasciatori di Paradise Seeds, √® il tipo di storia che davvero ispira, perch√© √® una grande testimonianza di coltivatori domestici di cannabis medica che non solo superano le avversit√†, ma prosperano di fronte ad esse. Moses, un coltivatore non vedente, vive in Canada ed √® l’autore di Munchies & Potions: The Ultimate Guide to Healthy Cookery With Cannabis. Due anni fa √® diventato cieco a causa di una neuropatia del nervo ottico, che gli ha tolto il 93-95% del campo visivo. Tuttavia questo non gli ha impedito di coltivare cannabis, e come dimostra il suo Crickets & Cannabis Instagram, non gli impedisce di coltivare dell’ottima erba!¬†

Moses dice: “La mia patologia √® una neuropatia del nervo ottico, che i neuro-optologi hanno descritto come una probabile Neuropatia ottica ereditaria di Leber. In breve, gli occhi funzionano, il cervello funziona, ma i nervi che inviano segnali sono in corto circuito. Quindi la parte colpita della vista √® un casino vorticoso di colori e luci, a volte √® come guardare uno specchio rotto. 24 ore su 24, 7 giorni su 7, lampeggiano luci e colori a caso, e ho un mal di testa costante dietro agli occhi”.

Logo BlindGrower Moses Black | Paradise Seeds | Massima qualità, genetica originale

Come fa un Coltivatore Cieco a Coltivare Cannabis?

Allora la principale domanda da porsi √® come funziona il processo di coltivazione per un coltivatore di cannabis cieco? “Il livello visivo di ogni cieco √® diverso, e si stima che solo il 5-8% dei ciechi abbia una percezione nulla di tutto ci√≤ che √® visivo. Con il mio livello visivo ho dovuto reimparare l’irrigazione, la manutenzione delle piante e, nella coltivazione biologica, affidarmi all’olfatto, al tatto e, in alcuni casi, al gusto. Ma coltivare, una volta¬† imparato il tuo metodo, √® solo il 25% del processo. La raccolta, l’essiccazione, la potatura e la stagionatura sono tutti fattori determinanti per il risultato finale.¬†

Per quanto riguarda la funzione pratica, a causa della mia fotofobia, il 98% del mio lavoro viene fatto nella completa oscurit√†. Spengo le luci, tasto il mio percorso, trimmo e controllo la presenza di parassiti e cos√¨ via. Poi accendo le luci e me ne vado. Non sono cieco al 100%. Uso anche telecamere di sicurezza (non essendo “cieco al buio”, visualizzo le telecamere quando le luci sono accese, tramite telefonino o computer, in modo da poter pianificare i miei passi. Cerchio le aree che hanno bisogno di attenzione, entro nella stanza, spengo le luci ( a causa della mia fotofobia) e uso la mia memoria e il tatto per fare il lavoro necessario”.

Coltivazione di Cannabis per Ipovedenti e gli Altri Sensi

Spiega che i suoi sensi partecipano naturalmente nel processo. “Annusare i bud mi permette di sapere quali ceppi sto “guardando”. Anche il tatto funziona. E in stato vegetativo, lo sfregamento degli steli d√† un altro odore che ne permette l’identificazione. Non ho avuto molti problemi con insetti nocivi, perch√© il mio IPM (Integrated Pest Management) √® notevole, ma controllo principalmente danni alle foglie o lo schiacciamento di un afide tra le dita.¬† Aiuta anche tastare il terreno, ed annusare il compost te’ e i fermenti”.¬†

Un buon “naso” per l’erba √® un vantaggio per qualsiasi aficionado della cannabis desideroso di apprezzare ceppi di cannabis con un notevole profilo terpenico. Per Moses, tuttavia, un senso accentuato dell’olfatto lo fa passare ad un livello superiore. Come spiega, “Posso sentire l’odore/gusto di chi coltiva con idroponica e sali, o di chi coltiva outdoor o indoor. Significa anche che posso sentire l’odore di erba schifosa a mezzo isolato di distanza!¬†

Come si Usa la Cannabis Medica?

Anche se la cannabis aiuta questa condizione, non la neutralizza, sebbene Moses abbia usato la cannabis a scopo medico per dolore cronico e ansia negli ultimi dieci anni, ed √® per questo che continua a coltivare. Come la maggior parte dei coltivatori di cannabis a scopo terapeutico, anche lui coltiva in modo biologico: “Coltivo usando metodi di coltura KNF e di suolo vivente. In questo modo so che la medicina che sto usando non contiene nulla che non vorrei nel mio corpo. Ne ricavo olii, tinture, pomate, ed edibili.¬†

Preferisco gli ibridi – di notte mi piacciono quelli in cui i tricomi sono maturati in un bel colore ambrato. Durante il giorno preferisco meno tricomi ambrati, e pi√Ļ bianco latte per una minore sedazione. Uso un vaporizzatore digitale per erbe secche per poter accedere con precisione a certi terpeni e cannabinoidi. Con precisione posso ottenere sollievo da ansia senza lo sballo, o sollievo dal dolore, o l’intero effetto entourage usando una temperatura molto pi√Ļ alta (428F)”.

Se hai una storia interessante sulla cannabis medica da condividere, ci piacerebbe sentirla. Contattaci tramite [email protected]

Lascia un commento

Related post