Shopping Cart
Fast & Discreet shipping

Veloce e discreto

| Finest Quality

Qualità migliore

| Excellent service

Servizio eccellente

FAKEvsREAL WEED 1200X682 | Paradise Seeds

Erba falsa vs erba vera. Che cosa devi sapere!

Quando la cannabis non è cannabis? Potrebbe sembrare una domanda a trabocchetto, ma il problema dei cannabinoidi sintetici sta ricevendo sempre più attenzione negli ultimi anni. Se dobbiamo credere alle notizie, la linea di demarcazione tra un prodotto come la Spice (che ha anche molti altri nomi, tra cui K2 e Blaze) e la cannabis sta diventando sempre più confusa, e la principale fonte di contaminazione avviene a livello di spaccio.

Abbiamo già scritto sui pericoli dell’erba contaminata, ma questo è un livello completamente diverso. All’inizio di quest’anno, un’indagine speciale di Vice si è addentrata nel mondo di uno spacciatore tedesco che ha affermato che gran parte dell’erba commercializzata come Haze nel paese è stata trattata con cannabinoidi sintetici (si riferisce a JWH e AB-CHIMINACA).

Il JWH è una delle poche strutture di un gruppo di cannabinoidi sintetici associato al fumo di sostanze come la Spice. Pesantemente camuffato, lo spacciatore conosciuto come ‘Banks’ dice agli spettatori: “Siete tutti tossici di sostanze chimiche senza saperlo”. Egli continua a sostenere che questa erba alterata promuove la dipendenza fisica in un modo che la vera cannabis non fa. 

Storie aneddotiche dal Regno Unito affermano anche che gli spacci di strada sono a volte “spolverati” con Spice per aumentare la potenza e la redditività della cannabis di scarsa qualità. Le notizie hanno anche evidenziato il problema dei falsi oli da vaporizzatori contenenti “succo” di cannabinoidi sintetici, che hanno causato il collasso dei consumatori.   

Breve Storia dei cannabinoidi sintetici

I cannabinoidi sintetici esistono dai primi anni del 2000 e ci fu un periodo in cui i prodotti di “cannabis alternativa”, come la Spice, vennero venduti apertamente a causa della mancanza di regolamentazione. Laboratori in Asia – principalmente in Cina – e in Russia sono stati segnalati come la fonte principale di produzione di cannabinoidi sintetici. 

Essenzialmente una combinazione chimica che imita il THC, nel modo in cui si lega ai recettori dei cannabinoidi nel corpo, i cannabinoidi sintetici sono dotati di alcuni effetti collaterali potenzialmente molto spiacevoli. Quando i prodotti apparvero per la prima volta sul mercato e divennero più ampiamente usati, a partire dalla metà degli anni 2000, guadagnarono popolarità grazie al loro prezzo economico e all’etichetta di cannabis alternativa, spesso promossa come “più sicura della cannabis” (pur mostrando un’etichetta “Non per il consumo umano”). 

Tuttavia, non passò molto tempo prima che il lato più oscuro di questi prodotti di “cannabis alternativa” diventasse evidente e i consumatori si resero conto che in realtà erano lontani un milione di chilometri dalla cannabis in termini di effetti. La volatilità dei cannabinoidi sintetici può produrre effetti estremi nei consumatori – che vanno dalla catatonia all’aggressività e alla violenza, guadagnandosi la reputazione di droga zombie. È stata identificata come un problema significativo nelle prigioni del Regno Unito, dove la sua mancanza di odore e la facilità di contrabbando (incluse le lettere impregnate di questa sostanza) l’hanno resa un prodotto redditizio alternativo alla cannabis. I cannabinoidi sintetici, come la Spice, sono stati considerati responsabili dell’ aumento di aggressioni al personale carcerario.

Come Vengono Prodotti i Cannabinoidi Sintetici?

In tutto il mondo molti governi hanno introdotto una legislazione che vieta la vendita di cannabinoidi sintetici, ma spesso la legge è molto indietro rispetto al prodotto, poiché semplici modifiche alla formula fatte in laboratorio possono eludere la lista di ciò che è attualmente illegale. C’è inevitabilmente anche un mercato illegale significativo in funzione.

I cannabinoidi sintetici iniziano la loro vita in un laboratorio clandestino, dove i prodotti vengono sintetizzati e prodotti in polvere per la spedizione. La polvere è molto spesso sciolta in acetone o alcool per trasformarsi in una forma liquida che viene spruzzata su una materia fogliacea/erbacea (per aggiungere valore all’etichetta “cannabis alternativa”), che viene poi imbustata e venduta. 

Come faccio a sapere se la mia erba è stata contaminata?

Poiché i cannabinoidi sintetici non hanno un odore o un sapore caratteristico, purtroppo non lo saprai finché non ne sentirai gli effetti. La risposta più semplice e veloce è che dovresti cercare di evitare di comprare cannabis per strada  e trovare idealmente merce che abbia una certa provenienza, cioè in modo da avere un’idea della fonte. Sfortunatamente, poiché la cannabis rimane illegale in molti paesi, questa è una conversazione che non verrà fatta nel mainstream dove, nell’interesse della salute pubblica, sarebbe davvero indispensabile.

Lascia un commento

Related post