Il processo di coltivazione ha molte fasi "cruciali" lungo il cammino. Mentre i grandi buds e i grandi raccolti ottengono tutti i titoli (e le foto di Instagram), quello che viene dopo è forse una delle fasi più significative di tutte: il processo di essiccatura e cura della cannabis.

Se la cannabis asciuga e il processo di cura è sbagliato, potresti ritrovarti con un raccolto di buds che odora di fieno o di bucato umido. Prepara il processo di essiccazione e cura della cannabis nel modo giusto e sarai ricompensato da un raccolto di fiori premium che profuma proprio come dovrebbe - irradiando l'intero spettro di terpeni propri dei tuoi straindrying

Uno dei più grandi errori che un coltivatore può fare è cercare di affrettare questo processo. Come dice il vecchio detto, "le cose buone arrivano a coloro che sanno aspettare"! Non c'è nulla di più deludente che assaporare il nuovo raccolto e scoprire che la cannabis è ancora bagnata. Questo è proprio un vero problema con la cannabis commerciale e uno dei tanti aspetti negativi del fare affidamento sulla cannabis di strada. I rivenditori senza scrupoli considerano buoni i fiori bagnati nei loro piani di marketing poiché ovviamente questi pesano più dei buds di cannabis ben essiccati e stagionati.

Quanto dura il processo di essiccazione e cura della cannabis? Questo dipenderà dal metodo di trimming che hai usato per raccogliere le tue piante - trim a fresco o trim a secco. La tecnica di rifinitura a fresco accelera il processo perché viene rimossa gran parte della materia foglia (che trattiene l'umidità). Al contrario, la tecnica del trim a secco vuole i rami appesi ad asciugare prima che i fiori vengano trimmati. Tuttavia, come regola generale, il processo di asciugatura dovrebbe durare almeno 1 settimana (e può durare fino a 14 giorni).

È di vitale importanza che i tuoi buds siano asciutti prima di passare alla fase successiva: il processo di cura. Se entrano in questa fase umidi, nella migliore delle ipotesi il profumo ne soffrirà e nella peggiore la muffa infetterà le gemme. Le condizioni di asciugatura ottimali comportano un buon flusso d'aria e una temperatura costante di 18-20 gradi centigradi (64-68 gradi Fahrenheit) per alcuni giorni prima di scendere di un paio di gradi. Una buona regola empirica per verificare se le gemme sono pronte per la cura è quella di piegare un gambo. Se scatta (piuttosto che piegarsi) allora è pronto per la fase successiva.
 

Essiccatura e Cura della Cannabis per Buds Migliori

La cura non solo migliorerà il profumo, il gusto e la consistenza delle gemme, ma avrà anche un valore scientifico. Attraverso il processo di biosintesi, durante questa fase, i vari composti della cannabis si mescoleranno e alcuni muteranno, producendo più potenza nella cannabis. Curare correttamente la cannabis non solo aumenterà il gusto e la forza, ma ne consentirà una conservazione a lungo termine.

Ciò è particolarmente importante per coloro che coltivano per l'autosufficienza. Curando nel modo giusto un grower outdoor - che coltiva una volta all'anno sotto il Sole, ad esempio - può aspettarsi che i suoi buds siano ancora consumabili fino al prossimo raccolto. Molte varietà, curate correttamente per alcuni mesi, miglioreranno, proprio come il buon vino, con un gusto e un effetto arrotondati (molto più morbido e corposo di un germoglio fresco "vivace" che può anche portare un elemento di ansia all'esperienza ).

Qual è il miglior modo di essiccare la Cannabis?

Come per ogni aspetto della coltivazione della cannabis, ogni coltivatore ha la propria tecnica collaudata. Un pò come il processo di coltivazione, la fase di essiccazione e cura della cannabis dipende molto dalle circostanze personali e dallo spazio disponibile per il coltivatore. L'essiccazione all'interno di una tenda di coltivazione (con un aspiratore in uso e una forma ausiliaria di calore - come un riscaldatore di serra o un piccolo riscaldatore domestico con timer - preferibilmente con un termostato per mantenere stabile la temperatura) sono la scelta preferita di molti coltivatori, con la cannabis "appesa" o le gemme sparse su una rete per essiccatura. Alcuni coltivatori seguiranno questa fase posizionando le gemme secche in una scatola di scarpe o in un sacchetto di carta e le metteranno in un armadio caldo per finirle prima di metterle nel loro contenitore di cura definitivo.

Qual è il miglior modo di curare la Cannabis?

La migliore forma di contenitore da utilizzare, nell'esperienza di Paradise, è quella del vaso da conserve fornito di sigillo ermetico. Lo spazio deve essere ben riempito di gemme sebbene sia importante che non si schiaccino. Il vaso va poi posto in luogo fresco e oscuro per il processo di cura.

Per i primi giorni, è importante consentire alla gemma all'interno del contenitore di respirare, per alcuni minuti. Una volta sigillati, i boccioli elimineranno l'umidità in eccesso e questa procedura aiuterà a rimuovere l'umidità. Per la prima settimana, cerca di aprire due o tre volte al giorno, nella seconda settimana una volta al giorno e nella terza settimana occasionalmente (controlla la consistenza dei buds per giudicare se è ancora necessario). Un avvertimento: se apri il barattolo e senti un odore come di ammoniaca, i boccioli sono stati inseriti troppo umidi).

I Vantaggi di un Processo Accurato di Essiccatura e Cura della Cannabis 

Per una conservazione a lungo termine, conserva i vasi in un luogo buio e fresco - la tua "cantina di gemme"! È una buona idea separarne una parte e riporla in un altro barattolo per l'uso quotidiano / settimanale, piuttosto che continuare ad aprire il barattolo grande (per evitare di disturbare troppo i germogli o far entrare umidità non necessaria).

Segui questi passaggi per le fasi di asciugatura e cura della cannabis, apprezza l'arte e la pazienza (e l'importanza) della cura, e sarai riccamente ricompensato. E non dimenticare il nostro mantra - Le cose buone arrivano a coloro che sanno aspettare!