Google-reviews
Shipping Fast & Discreet shipping | Quality Finest Quality | Service Excellent service
Perché il sistema endocannabinoide è importante?

Perché il sistema endocannabinoide è importante?

Negli anni Novanta gli scienziati hanno acquisito una nuova consapevolezza che ha messo in discussione i punti tradizionali relativi alla cannabis, dando il via a nuove ricerche e alla necessità di comprendere meglio le sue potenziali qualità mediche. Questo articolo spiega perché il sistema endocannabinoide è importante per il funzionamento del nostro organismo e ripercorre la storia della sua scoperta.

Prima di vedere come è stato scoperto il sistema endocannabinoide, diamo un’occhiata a cosa è in realtà. Sebbene molte persone, soprattutto appartenenti alla comunità della cannabis, siano a conoscenza del sistema endocannabinoide (comunemente chiamato anche ECS), trovare una spiegazione semplice di cosa sia e cosa faccia può essere difficile. Questo è dovuto in parte al fatto che la scienza sta ancora cercando di trovare le risposte e la ricerca è ancora in corso.

Esistono molti articoli scientifici che approfondiscono il sistema endocannabinoide, trattando argomenti come la fisiologia e la farmacologia, pertanto questo articolo si propone di spiegare l’ECS in termini semplici. Si tenga presente che la ricerca scientifica è ancora molto vasta e ci sono ancora molte domande irrisolte sul sistema endocannabinoide.

Che cos’è il sistema endocannabinoide? Una spiegazione semplice

Il motivo per cui tante domande rimangono senza risposta è la complessità del sistema endocannabinoide. L’ECS,  identificato nell’organismo di tutti i mammiferi, è una sofisticata rete di:

Endocannabinoidi. Queste molecole, prodotte dal corpo umano, sono simili ai cannabinoidi della cannabis, prodotti dalla pianta. La loro funzione è quella di mantenere in equilibrio l’organismo e vengono generate quando l’organismo ne ha bisogno.

Recettori. Divisi tra recettori CB1 (che si trovano prevalentemente nel sistema nervoso centrale) e recettori CB2 (che si trovano prevalentemente nel sistema nervoso periferico), le molecole di endocannabinoidi si legano a questi per svolgere il loro compito. In caso di mal di schiena, ad esempio, gli endocannabinoidi si legano ai recettori CB1 per produrre una reazione dell’organismo al dolore e fare il possibile per alleviarne i sintomi.

Enzimi. Una volta che gli endocannabinoidi hanno svolto il loro compito, gli enzimi intervengono per scomporli, ponendo fine al loro contratto: “il tuo compito è terminato, non abbiamo più bisogno di te”.

Cosa fa il sistema endocannabinoide?

Per fare un’analogia di base, se si pensa al corpo come all’hardware di un computer (cioè la macchina operativa), l’ECS sarebbe il software di sistema che gli permette di svolgere efficacemente le sue funzioni. Nel caso del corpo umano, si è scoperto che il sistema endocannabinoide regola molti dei processi quotidiani che ne influenzano il corretto funzionamento. Le prime ricerche hanno individuato che l’ECS regola funzioni quali l’umore, l’appetito, il sonno, la memoria e la riproduzione.

Se il computer funziona come dovrebbe, tutti i suoi processi si svolgono senza problemi. Tuttavia, come sanno tutti coloro che hanno avuto problemi con un computer, se c’è un problema con uno o più processi operativi, la macchina smette di funzionare in modo efficace. Invece di chiamare l’officina o di rivolgersi a Youtube, il corpo dei mammiferi ricorre agli endocannabinoidi per cercare di risolvere il problema.

Come è stato scoperto il sistema endocannabinoide?

La strada per la scoperta del sistema endocannabinoide è iniziata con un paio di marcatori significativi. I componenti della cannabis furono isolati per la prima volta negli anni ’40 (CBD), ma la loro importanza venne notata solo con la pubblicazione di “Isolation, structure and partial synthesis of an active constituent of hashish” nel Journal of the American Chemical Society, scritto dal Prof. Raphael Mechoulam e dal Dr. Yechiel Gaoni nel 1964. Il loro lavoro presso l’Università Ebraica di Gerusalemme identificò per la prima volta la struttura del THC.A

Il potenziale del sistema endocannabinoide fu scoperto per caso attraverso una ricerca che, per ironia della sorte, iniziò con un finanziamento del governo statunitense per identificare gli effetti dannosi della cannabis. Basandosi sul lavoro del 1988 del team di St. Louis, che aveva identificato i siti dei recettori che rispondevano ai componenti della cannabis, un’équipe del National Institute of Mental Health statunitense tracciò e clonò la sequenza di DNA che codificava un recettore dei cannabinoidi presente nel cervello. Il NewScientist lo definì “l’interruttore che accende l’interesse del cervello alla cannabis”.

La ricerca sugli endocannabinoidi ha fatto un ulteriore salto di qualità nel 1992, quando un’équipe dell’Università Ebraica di Gerusalemme, guidata dai dottori Lumir Hanus e William Devane, scoprì l’elemento endocannabinoide dell’ECS. Questa scoperta costituì la base della ricerca che stabilì il concetto di un sistema, denominato sistema endocannabinoide, responsabile della regolazione di numerose funzioni dell’organismo.

Come si è scoperto che il sistema endocannabinoide interagisce con la cannabis?

Il legame tra la cannabis e l’ECS venne stabilito per la prima volta nel 1988 da un’équipe scientifica della St. Louis University School of Medicine, che si accorse della presenza di siti recettoriali nel cervello dei mammiferi che rispondevano ai componenti della cannabis. Ricerche successive scoprirono che i componenti della pianta di cannabis avevano la stessa capacità di legarsi ai recettori nei corpi dei mammiferi degli endocannabinoidi interni.

Pertanto, il THC si lega sia ai recettori CB1 sia a quelli CB2, inducendo la ECS a reagire, producendo una serie di risposte che vanno dall’euforia, al sollievo dal dolore, all’ansia. Il fatto che alcune persone possano fumare erba e stare bene, mentre altre possono avere effetti negativi dal consumo di THC, suggerisce che la risposta potrebbe essere legata all’assetto ECS unico della persona.

Al contrario, la ricerca ha identificato che il CBD non si lega ai recettori CB1 e CB2. Non è ancora stato determinato con esattezza il motivo, ma le teorie suggeriscono che potrebbe impedire agli enzimi ECS di scomporsi in modo così efficiente (in modo che rimangano in circolazione più a lungo, cioè apportando un sollievo più duraturo dal dolore) o anche che si leghino da qualche altra parte.

È necessario fare uso di cannabis per avere un sistema endocannabinoide?

La risposta è no! A causa della somiglianza del nome, a volte c’è confusione sulla rilevanza del sistema endocannabinoide per i non consumatori di cannabis, ma in realtà è presente in ogni individuo.

Gli elementi essenziali citati in questo articolo hanno costituito la base per ulteriori esplorazioni dell’ECS e di come la cannabis e i suoi componenti, come i cannabinoidi THC e CBD, vi interagiscono. La ricerca continua e con essa la speranza che, svelando i segreti della complessa rete di endocannabinoidi, recettori ed enzimi, in futuro la cannabis possa svolgere un ruolo chiave nella produzione di farmaci mirati alle aree del corpo regolate dalla ECS.

Lascia un commento