Your Cart
 Google-reviews
Shipping Fast & Discreet shipping | Quality Finest Quality | Service Excellent service
Può esserci qualcosa come troppo THC? | 🥇 Paradise Seeds

Può esserci qualcosa come troppo THC?

La statistica principale per molte varietà di cannabis ricreativa è la percentuale di THC presente in una varietà. Per questo motivo, spesso i consumatori di cannabis non vedono tutto ciò che una pianta ha da offrire e scartano in fretta qualsiasi valore di THC che sia inferiore al 20% (e anche allora cercano quei ceppi che dicono di essere ancora più alti).  Quindi, è il momento di porsi la domanda, “è troppo THC una brutta cosa?

Prima di dare un’occhiata più da vicino, mettiamo una distanza tra l’alto THC e i problemi di salute mentale che dominano la politica anti-cannabis in paesi come il Regno Unito e la Francia, dove i ceppi “super forti” sono accusati di psicosi e altri problemi di salute mentale tra i consumatori di cannabis. Anche se certamente possono contribuirvi, c’è più spesso un quadro più ampio in cui si inserisce l’uso di erba ad alto THC, ma questo è un dibattito completamente diverso per un altro articolo.  

Può esserci qualcosa come troppo THC? | 🥇 Paradise Seeds

THC – Il Punto di Riferimento Tradizionale per i Consumatori di Cannabis 

Quindi guardiamo invece ad alto THC high come mezzo ricreativo che ha contribuito a modellare il mercato dei consumatori di cannabis negli ultimi anni e ha stabilito un punto di riferimento su cui la maggior parte delle aziende produttrici di semi (inclusa Paradise) ha appuntato la propria bandiera. Questa situazione è cambiata con l’arrivo sul mercato dei ceppi CBD, che offrono tutto il sapore della cannabis e il relax senza alcuno sballo inebriante. Tuttavia, questa polarizzazione di effetti (essere high con il THC o non high con il CBD) taglia fuori molte vie di mezzo.

Un argomento costante per la legalizzazione è stato il fatto che l’illegalità genera un certo tipo di consumo. Senza una vera scelta per i consumatori, l’unica opzione è quella disponibile e, dato che il mercato nero riguarda la massimizzazione del profitto, i coltivatori commerciali si concentreranno su varietà ad alta potenza che fioriscono velocemente, si vendono velocemente e si consumano velocemente.  La situazione è spesso paragonata all’offerta di alcol – una birra a bassa percentuale non è la stessa di un liquore ad alta percentuale ed entrambi sono consumati in modo diverso. 

Chiunque si goda il lusso di coltivare piante di cannabis per il proprio consumo, spesso ha una visione più a lungo termine. L’essiccazione, la stagionatura e la conservazione diventano fattori più integranti del processo. Ciò di cui questi “long timers” sono spesso consapevoli è come il sapore e l’effetto cambiano nel tempo con la maturità. Ciò si contrappone alla piena potenza dei bud “freschi” che frizzano con un alto THC e danno un effetto da mazzata (con un tocco paranoico che manca nei bud ben curati) che colpisce duro e spesso si esaurisce piuttosto rapidamente. Troppo spesso si tratta di massima potenza senza l’equilibrio – un giro sulle montagne russe piuttosto che un viaggio piacevole.

Il dottor Jonathan Newman, un antropologo che studia l’industria della cannabis da quasi 10 anni, ricorda una conversazione avuta nei primi giorni della sua ricerca. Volevo scoprire perché il “THC” era così importante nel branding della cannabis come prodotto e sono rimasto sorpreso dalla risposta che ho ricevuto. Un coltivatore di cannabis molto noto mi ha detto che l’attenzione era concentrata sul THC perché, all’inizio, quello era l’unico composto di cui tutti si preoccupavano davvero, perché era il composto che ti faceva sballare!” Sebbene il CBD fosse stato scoperto negli anni ’40, fu la ricerca del dottor Dr Raphael Mechoulam  negli anni ’60 che mise sotto i riflettori le qualità psicoattive del THC.

Andiamo velocemente ai giorni nostri e la conoscenza dell’industria è molto diversa. Cannabinoidi, flavonoidi, terpenoidi e il modo in cui interagiscono tutti insieme nell'”effetto entourage” è ormai una saggezza accettata dall’industria e dai consumatori esperti di cannabis – anche se vale la pena chiedersi: quanto di questa nuova conoscenza filtra fino al livello di strada dove un alto THC rimane spesso il marchio della “buona (cioè forte) erba”?  

La Cannabis Oltre il THC

Con lo sviluppo del mercato della cannabis ricreativa – e come sta già accadendo nei territori legalizzati – l’aspetto esperienziale delle diverse varietà di cannabis sta diventando sempre più importante. Ci si chiede cosa vogliano i diversi tipi di consumatori dalla loro erba – dagli esperimenti di Tilray con i consumatori anziani, ad atleti che usano la cannabis a scopo terapeutico e a consumatori ricreativi che adottano la concetto di abbinamento di effetti.  Si tratta di consumatori di cannabis molto diversi che cercano esperienze di cannabis al di là della quantità di THC che fa cadere un rinoceronte e, man mano che il mercato sviluppa l’apprezzamento per un effetto su misura per l’utente, potrebbe anche vedere la fine del THC come statistica di riferimento.

Lascia un commento

Last cannabis post