7 cannabis strains that help you with creativity

 

Per la maggior parte delle persone Settembre è un mese un po “triste”, il che significa ritorno a scuola, ritorno al lavoro, fine dell'Estate ... Tuttavia, per il coltivatore di cannabis outdoor, Settembre è il mese della fioritura! Mentre la Natura farà il suo corso nei prossimi due mesi, il coltivatore deve essere preparato in nome della protezione delle colture di cannabis outdoor. La tua vigilanza in questa fase aumenterà le opportunità per un eccezionale raccolto di cannabis outdoor!

1) Controlla il Meteo!

I mesi autunnali possono portare incongruenze meteorologiche e per questo motivo è necessario tenere sempre d'occhio le previsioni a lungo termine. Le notti iniziano a portare più freddo nell'aria - portando anche gelo all'inizio della stagione - e possono esserci forti fluttuazioni della temperatura in generale. Anche la pioggia è un problema, in particolare nelle regioni settentrionali e soprattutto se accompagnata da un calo della temperatura dell'aria, che può promuovere la muffa sulle piante di cannabis outdoor.

2) Proteggere le Piante di Cannabis dalla Pioggia

I germogli di cannabis sono piuttosto robusti e una doccia non li disturba troppo. Tuttavia, la pioggia prolungata avrà sicuramente un impatto negativo su questi adorabili ammassi di cristalli e inibirà lo sviluppo delle gemme. La protezione delle colture di cannabis outdoor dalla pioggia dovrebbe essere una priorità, anche se questo è più facile a dirsi che a farsi con le grandi piante (motivo per cui molti coltivatori di cannabis all'aperto optano per una configurazione SCROG per controllare la crescita / altezza).

Ovviamente una protezione estrema può essere ottenuta con tralicci in legno e teli di plastica trasparente, ma anche strutture più temporanee possono aiutare: abbiamo visto gazebo per il tempo libero, telai tepee avvolti in plastica e persino ombrelloni posizionati su canne da giardino! Il trucco è prepararsi alla pioggia e organizzarsi per tempo. Purtroppo l'aria sarà ancora densa di umidità, ma ogni piccolo accorgimento aiuta.


4) Proteggere le Piante di Cannabis Outdoor da Sole e Gelo

Nelle regioni più meridionali del mondo, il caldo e il Sole possono portare i propri problemi sotto forma di stress che si manifesta sotto forma di foglie a coppa (con i bordi che si arricciano) e possono causare ‘foxtailing’ buds. La chiave per evitare che ciò accada è un buon regime di irrigazione, mantenendo le radici fresche e fornendo ombra. In autunno le giornate calde e soleggiate possono spesso essere seguite da notti fredde e questo comporta il pericolo di gelate. A differenza della pioggia, questo è più difficile da prevedere. Se sai che sta arrivando, copri le tue piante con un vello da giardino (anche i teli di plastica funzioneranno) e assicurati di rimuovere presto il giorno successivo per fermare l'accumulo di condensa sulle tue piante.

5) Osserva i Fiori!

Durante tutto il processo di fioritura, effettua controlli giornalieri sulle tue piante e investi su una lente da gioielliere. La maggior parte dei parassiti e delle malattie colpiscono mentre la pianta è in fase vegetativa e sono un problema perché inibiscono la crescita. Quando una pianta inizia a fiorire all'aperto, tutta la sua energia va alla produzione di fiori. In questa fase, un piccolo attacco da parte di un parassita come gli spider mites ad esempio, non sarà fatale, tuttavia potrebbe influire sulla tua resa. Controllare regolarmente i tuoi germogli ti avviserà di eventuali problemi prima che diventino critici e tu possa agire.

6) Controlla se c’è muffa!

Più pericolosa in questa fase di una coltivazione di cannabis outdoor è un attacco della muffa delle gemme (nota anche come botrytis  o "muffa grigia"). Il nemico è estremamente furtivo e può facilmente passare inosservato finché non è troppo tardi. Segni rivelatori di muffa sono piccole foglie che sporgono dai boccioli che improvvisamente assumono un colore grigiastro. A una rapida occhiata potrebbero sembrare solo un'altra foglia morente, ma osservatela da vicino e riveleranno una macchia di muffa grigia che infetta il bocciolo. Consulta la nostra guida per prevenire e identificare la muffa delle gemme qui

7) lascia passare l’Aria!

Potare la tua pianta durante la fase di fioritura può essere molto utile. Aprirà la struttura ed esporrà la gemme al Sole autunnale e sbarazzarsi di parte di quel fogliame aiuterà anche a dare un pò di flusso d'aria alle tue piante, che è una delle migliori difese che puoi avere contro la muffa. Tuttavia, questo deve essere fatto con attenzione per non stressare troppo la pianta. Guarda il nostro video Skunkworks di Topshelf Grower che si occupa di de-foliation and lollipopping nella fase di fioritura.

8) Organizzati prima per il Raccolto di Cannabis Outdoor

L'imprevedibilità dell'Autunno significa che man mano che i tuoi fiori maturano dovresti pensare in anticipo al tuo programma di alimentazione e irrigazione. Le piogge autunnali possono causare problemi aggiuntivi poiché piogge prolungate e un'elevata umidità dell'aria creeranno le condizioni ideali per muffe e funghi, quindi l'aggiunta di più acqua aumenterà solo il rischio. Cerca di ridurre la quantità di acqua che dai alle tue piante se le previsioni del tempo a lungo termine mostrano pioggia. In queste circostanze si consiglia di lasciare asciugare completamente il terreno dopo il lavaggio finale. Si consiglia di fare un piano anticipato con una data di raccolta stimata nel diario in modo da avere una certa flessibilità con l'irrigazione.

9) Sii Pragmatico!

La coltivazione della cannabis outdoor è diversa dall'allestimento indoor. Non hai il lusso di un ambiente controllato. A volte le circostanze richiedono azione. Se c'è una settimana di pioggia in arrivo, preparati a raccogliere un pò in anticipo o rischi di perdere tutto a causa della muffa. Ascolta la Pianta, usa il tuo istinto, sii pragmatico!