Your Cart
 Google-reviews
Shipping Fast & Discreet shipping | Quality Finest Quality | Service Excellent service
Coltivatore di Cannabis e il PTSD

La Storia di un Coltivatore di Cannabis e il PTSD

  • PTSD, erba e la storia di un consumatore di cannabis medica
  • Cos’è il PTSD?
  • La storia di Sarah: Come ha scoperto la cannabis come trattamento per il PTSD
  • Scambiare pillole per piante
  • Quali sono le migliori varietà di cannabis per il PTSD?
  • Qual è il futuro della cannabis nel trattamento del PTSD?

Paradise Seeds condivide l’esperienza di un veterano di guerra americano che ha scambiato pillole con piante nella storia di un coltivatore di cannabis e PTSD. Negli ultimi anni c’è stato un significativo aumento di interesse nel potenziale della cannabis come trattamento per il PTSD (Disturbo da Stress Post Traumatico).

PTSD, Erba e la Storia di un Utente di Cannabis Medica

Questo mese Paradise Seeds è in conversazione con la nostra nuova ambasciatrice, Sarah Stenuf, un veterano americano che ha servito in Iraq e Afghanistan. Gestisce un’organizzazione no profit, Veterans Ananda, che offre ritiri di breve durata e ad alto impatto e programmi di crescita post-traumatica a lungo termine per membri del servizio armato, veterani, primi soccorritori e le loro famiglie.

È anche la proprietaria di Ananada Farms, una fattoria di canapa a nord di New York, USA, che fornisce un focus pratico per coloro che passano attraverso il programma Veteran Ananada. Le due cose si combinano in un approccio olistico che ha a cuore benessere sociale e coltivazione della canapa.

La Storia di un Coltivatore di Cannabis e il PTSD | 🥇 Paradise Seeds

Cos’è il PTSD?

Il PTSD è stato prevalente tra le truppe combattenti nel corso della storia ma, incredibilmente, è stato diagnosticato “ufficialmente” solo di recente, nel 1980. Mentre la maggior parte delle persone associa la condizione ai veterani di guerra, una maggiore comprensione ha portato all’accettazione del fatto che chiunque abbia subito un trauma può essere affetto da PTSD.

I sintomi sono vari, ma comunemente includono ansia grave, depressione, incubi e flashback. La medicina convenzionale prescrive un cocktail di soluzioni farmaceutiche per il trattamento del PTSD, con farmaci come la paroxetina e la sertralina, ma questi spesso hanno effetti collaterali e per molti di coloro che sono affetti dalla condizione semplicemente non funzionano.

La storia di Sarah: Come ha scoperto la cannabis come trattamento del PTSD

L’entusiasmo e l’energia di Sarah sono in netto contrasto con quella che era dopo aver lasciato l’esercito, quando le è stato diagnosticato il PTSD, oltre a essere affetta da frequenti attacchi epilettici. “Quando sono uscita ero sottoposta a una pletora di farmaci (13 tipi diversi ad un certo punto) e molti dei farmaci stavano rendendo la mia vita sociale e psicologica peggiore, non migliore, ma mi fidavo dei medici. È stato un periodo buio.

Mi sentivo molto sola, senza un posto nel mondo e senza una missione. Ero arrivata così in basso che vivere mi sembrava più spaventoso che morire. Avevo così paura di uscire di casa che avevo sviluppato una carenza di vitamina D. Era davvero terribile”.

Il percorso verso il cambiamento è iniziato quando un amico è passato con un sacchetto di cannabis. Sarah non aveva nessuna esperienza precedente con l’erba, e all’inizio la trattava solo come un’altra sostanza per allontanarla dalla realtà, ma a differenza di droghe e alcol, la cannabis aveva un effetto positivo. “Più fumavo, più mi sentivo meglio con me stessa e più cominciavo a capire che forse non avevo bisogno di tutte le droghe che mi erano state prescritte e ho iniziato a tagliarle fuori dalla mia vita.

Mi incuriosiva la cannabis e volevo imparare tutto sulla pianta nel tentativo di capirne di più; ho scoperto i recettori endocannabinoidi, i terpeni e i flavonoidi e l’effetto che hanno sulle condizioni – specialmente le epilessie. Allo stesso tempo, pur sapendo che la cannabis “aiutava”, avevo bisogno di trovare uno schema o una routine, che funzionasse al meglio per me e per il mio corpo – per esempio quanto dosare, quando dosare, come dosare ecc.

Ha trovato il suo livello e ora usa la cannabis medica più in modo preventivo – ad esempio, dosandola al mattino per affrontare la giornata o per gestire l’ansia prima di una situazione stressante (come una riunione importante o una situazione sociale impegnativa). Non prende più farmaci, ma combina la cannabis con trattamenti tradizionali come la talk therapy e lo yoga. “La cannabis mi ha anche liberato dalle convulsioni – la gente non si rende conto di quanto ci si senta fuori controllo dal proprio corpo”.

Quali sono i migliori ceppi di cannabis per il PTSD?

La sua preferenza va ai ceppi indica. “Mi piacciono le indica pesanti. Ciò che stordisce la maggior parte delle persone tende a mantenermi nella media per tutto il giorno”, aggiunge con umorismo. I ceppi ricchi di THCV sono particolarmente utili per le sue crisi e il controllo degli spasmi e dei tremori, tuttavia trova il CBG troppo forte, poiché stimola la sua ansia, e per questo motivo evita anche le sativa.

Qual è il futuro della cannabis e del trattamento del PTSD?

Come vede il futuro della cannabis e del PTSD? “Vedo molta più ricerca che si fonda sul già significativo coinvolgimento di veterani, medici e interesse attivo di militari. Ci sono molte associazioni di veterani che lavorano per renderlo un trattamento di prima linea e in tutto il mondo molti veterani sono venuti a parlare delle loro esperienze, conversazioni ovviamente oneste che provengono da un contesto di fiducia e che quindi vengono ascoltate. Come risultato dell’attenzione sull’aspetto militare del PTSD, la conversazione si sta aprendo anche a livello civile, il che può essere solo una cosa positiva – per coloro che soffrono di questa condizione e anche per finanziare ulteriori ricerche sull’argomento”.

Anche se la cannabis non è la panacea di tutti i mali, Sarah attribuisce comunque alla pianta il merito di aver dato una svolta alla sua vita e di averle dato l’ispirazione (insieme a una famiglia che la sostiene) per cambiare la sua vita, e nel processo, attraverso il suo lavoro con i veterani, per cambiare la vita degli altri.

Paradise Seeds sostiene il diritto dei pazienti di curarsi da soli usando la pianta della cannabis. Il Programma per gli Utenti Medici di Paradise Seeds offre il 50% di sconto su tutti i semi per gli utenti medici, con documentazione adeguata.

Lascia un commento

Last cannabis post