Your Cart
 Google-reviews
Shipping Fast & Discreet shipping | Quality Finest Quality | Service Excellent service
Legalizzazione della cannabis a Malta, la storia di un coltivatore | 🥇 Paradise Seeds

Legalizzazione della cannabis a Malta, la storia di un coltivatore

  • La legalizzazione della cannabis a Malta – Background
  • Società dei coltivatori di cannabis di Malta
  • Legalizzazione della cannabis e turismo a Malta

L’isola mediterranea di Malta è famosa per molte cose: le sue bellezze paesaggistiche, le località turistiche e le location di film come Assassin’s Creed e Troy. A questa lista se ne aggiunge un’altra: la legalizzazione della cannabis a Malta è stata una delle grandi storie del 2021 e il Paese è diventato il primo dell’UE a praticare il consumo ricreativo.

La legalizzazione della cannabis a Malta – Background

Per i coltivatori e i consumatori di cannabis maltesi, la legge di riforma della cannabis del 2021 ha eliminato le sanzioni per chi possiede fino a 7 grammi di cannabis per uso personale e consente la coltivazione domestica di un massimo di 4 piante di cannabis. La legislazione ha anche approvato lo sviluppo di un sistema di cannabis social club (basato sul modello spagnolo) come modello per la vendita al dettaglio. Il governo ha anche istituito una “autorità per la cannabis” per supervisionare il processo.

Analogamente alle esperienze di altri Paesi che hanno dato il via libera all’erba, la legalizzazione della cannabis a Malta è un percorso che presenta ostacoli significativi da superare. Negli ultimi mesi ci sono state diverse notizie che parlavano di confusione e frustrazione per i progressi compiuti, punteggiate da titoli di giornale che si sono concentrati sugli aspetti negativi, come l’approvazione di una legge senza una struttura di regolamentazione, la continua presenza del mercato nero e l’arresto di un medico accusato di spaccio di droga.

Società maltese dei coltivatori di cannabis

Questa attenzione è inevitabile secondo Pietro, fondatore della Malta Cannabis Growers Society, che ha raccolto oltre 7000 membri negli ultimi cinque mesi. “Gli occhi dell’Europa, e forse anche del mondo, sono puntati su Malta, e stanno studiando ogni mossa. Pensiamo che il governo stia facendo un buon lavoro. Hanno fatto la legge, istituito l’autorità e poi sono passati alla fase successiva di studio del mercato e di preparazione dei regolamenti. C’è la sensazione che vogliano fare le cose per bene, cosa che sosteniamo, e che stiano interpellando coloro che nella comunità conoscono la cannabis, il che è positivo”.

La Malta Cannabis Growers Society è un’organizzazione senza scopo di lucro e una delle numerose organizzazioni e società che hanno richiesto una licenza per produrre e distribuire cannabis. Inoltre, funge da centro di formazione e conoscenza per un gran numero di nuovi coltivatori che stanno cogliendo l’opportunità di coltivare legalmente quattro piante a casa. L’organizzazione fornisce informazioni, compresi video sulle modalità di coltivazione, sulla pagina Facebook @MaltaGrowersSociety e sul canale Youtube.

Ogni regione ha le sue condizioni ambientali da considerare e a Malta i coltivatori devono fare i conti con il caldo intenso, che può raggiungere i 40° nelle ondate di calore estive.  Per questo motivo, Will di MCGS spiega che la coltivazione indoor è il metodo più utilizzato e i coltivatori cercano genetiche che si comportino bene ad alte temperature (varietà versatili come  Wappa e Tangerine Sorbet di Paradise Seeds, ad esempio).

Legalizzazione della cannabis e turismo a Malta

Il MCGS è anche appassionato nel rovesciare lo stigma della cannabis e nell’educare i settori più conservatori della società maltese sui benefici della pianta di cannabis, soprattutto a livello medico, in modo professionale.

Malta ha la reputazione di essere un Paese conservatore, con una forte tradizione cattolica, e inevitabilmente non tutta la popolazione dell’isola (poco più di mezzo milione) è contenta della decisione di legalizzarla. Per questo motivo, forse è sorprendente che sia il primo Paese dell’UE a legalizzarla, rispetto a un Paese come la Germania che ha un movimento più favorevole alla cannabis. Tuttavia, in quanto piccolo Paese, Malta è esperta nel cogliere le opportunità e muoversi velocemente, come dimostra la sua precoce accoglienza degli operatori di criptovalute.

Mentre si lavora sugli aspetti pratici del funzionamento del nuovo sistema legalizzato, l'”elefante nella stanza” è il modo in cui uno Stato legalizzato interagirà con il turismo.  L’isola è una destinazione turistica di prim’ordine e riceve 1,5-2 milioni di turisti all’anno: che impatto avrà la dinamica della legalizzazione sull’industria turistica dell’isola? In un’intervista al Times of Malta, la presidente dell’Autorità per la Cannabis, Mariella Dimech, ha dichiarato: “Alcune persone pensano che i coffee shop spunteranno ovunque vendendo erba e che i turisti verranno sull’isola per fumare droga. Si immaginano che Malta diventi un’altra Amsterdam. La legge non prevede nulla di tutto ciò. La legge non permette ai turisti di comprare erba. Non consente i coffee shop”.

Tenere separata l’industria turistica del Paese dalla nuova industria della cannabis sarà solo una delle sfide che l’autorità dovrà affrontare mentre il governo cerca di trasformare la legge in un processo operativo. L’Europa sta sicuramente osservando e ciò che accade a Malta potrebbe influenzare l’aspetto della legalizzazione, mentre altri tasselli iniziano a cadere nel gioco della legalizzazione europea.

Lascia un commento

Last cannabis post