Your Cart
 Google-reviews
Shipping Fast & Discreet shipping | Quality Finest Quality | Service Excellent service
Legalizzazione della cannabis in Thailandia | 🥇 Paradise Seeds

Legalizzazione della cannabis in Thailandia

  • Cannabis medica in Thailandia
  • Cos’è l’erba thailandese?
  • Storia dell’erba thailandese

Una delle storie di legalizzazione più sorprendenti degli ultimi tempi è stata la straordinaria legalizzazione dell’erba thailandese, che sta trasformando il modo in cui la pianta viene vista in un paese chiave del sud-est asiatico. Dopo quasi cento anni di politica proibizionista, l’abbraccio della Thailandia alla cannabis ha seguito un percorso accelerato, iniziato nel 2019 quando il governo ha legalizzato la cannabis per uso medico e di ricerca.

Nel gennaio 2022, il ministro della Salute pubblica della Thailandia, Anutin Charnvirakul, ha firmato un annuncio ministeriale che che ha rimosso le varietà di cannabis con meno dello 0,2% di THC dalla lista degli stupefacenti. L’annuncio è stato accolto con entusiasmo dagli appassionati sostenitori della cannabis in Thailandia e ha aperto la possibilità di opportunità per i settori del turismo medico e sanitario per dare una spinta all’economia.

Paradise Seeds è diventata partner di un entusiasmante progetto lanciato in Thailandia, in cui i produttori di cannabis medica Bienestar T&N Co. Ltd e Cannabizta BV stanno coltivando ceppi di cannabis di alta qualità per sviluppare prodotti a base di cannabis medica. L’impianto di Cannabizta, il primo del suo genere nel sud-est asiatico, ha sede a Buriram e ha una licenza per la coltivazione di 150.000 piante. L’azienda mira a fare della Tailandia un hub mondiale per la cannabis medica e a servire i mercati in espansione della cannabis medica in Asia.

Cannabis medica in Thailandia

Sulla scena, i sostenitori della cannabis tailandese sono entusiasti del cambiamento del suo status e si chiedono come evolverà la legalizzazione. Pock 420 è un coltivatore tailandese che fa parte della rete Cannakin, che sostiene la legalizzazione, i diritti dei pazienti di cannabis medica e una migliore educazione sul potenziale della pianta come medicina. Pur essendo fiducioso sulle prospettive di cambiamento, ha anche qualche riserva. “Per molti malati è ancora molto difficile accedere alla cannabis, oppure è troppo costosa da acquistare presso cliniche specializzate. Un flacone da 10 ml di olio di cannabis costa da 2 a 3.000 baht (50-80 euro), un prezzo troppo alto per la maggior parte delle persone, quindi ci sono ancora molti ostacoli”.

Spera che gli annunci che hanno conquistato i titoli dei giornali, come  la Thailandia vuole regalare un milione di piante di marijuana ai suoi cittadini , abbiano una base concreta. Tuttavia, uno dei suoi timori è che la legalizzazione possa far sì che la cannabis in Thailandia diventi “come la birra o il whisky”, un prodotto controllato da poche aziende, che esclude i thailandesi che la usano tradizionalmente da molti anni. Egli afferma inoltre che il cambiamento di politica ha causato molti malintesi a causa dello status del limite legale di THC dello 0,2%. “Per i turisti c’è stata molta confusione. Molti pensano che tutta l’erba sia ora legale, ma non è così”.

Cos’è l’erba thailandese?

La Tailandia possiede una serie di varietà landrace, alcune delle quali sono autoctone della regione del sud-est asiatico in generale. Storicamente si tende a chiamarle “Thai Weed” o “Thai Stick” fuori dal paese, anche se il sapere

locale fa una maggiore differenziazione.  Ad esempio, Pock 420 si riferisce alla Hangkaron (karong significa “coda di scoiattolo” in thailandese) che, a suo parere, è la varietà landrace più diffusa nel paese. È una sativa forte “che cresce come un albero”, con un tempo di coltivazione molto lungo (6-8 mesi dal seme al raccolto), e che produce cime “lunghe come un braccio”.

Le genetiche sativa thailandesi sono presenti nelle genetiche dei ceppi “moderni”, in particolare nei ceppi Haze, dove sono mescolate con le stirpi colombiane e messicane. Nella collezione Paradise le varietà con genetica thailandese includono la White Berry (e la sua versione autofiorente) e le varietà Haze come la Delahaze. L’influenza tailandese è particolarmente evidente nella Atomical Haze, che contribuisce alla potenza della sua sativa edificante, carica di energia ed euforia.

Storia dell’erba thailandese

Le piante di cannabis coltivate nella regione fornivano alle società preindustriali una ricca gamma di prodotti finali, da alimenti a medicinali, fino alle materie prime (fibre) per la produzione di corda e abbigliamento. Nonostante il suo ruolo culturale, la Thailandia (allora chiamata Siam) abbracciò lo spirito del proibizionismo internazionale e approvò diverse leggi antidroga, rendendo la cannabis ufficialmente criminalizzata nel 1937.

Il “marchio” dell’erba thailandese divenne famoso a seguito del coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra del Vietnam. Durante il conflitto, 543.000 soldati statunitensi prestarono servizio in Vietnam – la maggior parte dei quali combatté tra il 1965 e il 1973 – e molti di loro trascorsero il loro periodo di R+R (riposo e relax) in Thailandia. La marijuana era solo uno dei piaceri che attiravano i soldati americani nei loro tempi morti e un rapporto del Dipartimento della Difesa del 1971 stimava che il 51% delle forze armate statunitensi avesse fumato erba, come illustrato nel classico film sulla guerra in Vietnam, Platoon.

Naturalmente si trattava di un segreto che molte di quelle truppe volevano condividere e la loro esperienza collettiva di fumare erba aveva un collegamento diretto con la contro-rivoluzione culturale, o movimento hippie, che ebbe luogo negli Stati Uniti negli anni Sessanta. Inevitabilmente, questa domanda creò un mercato d’esportazione illecito per l’erba thailandese, spesso presentata come “Thai stick” che, in epoca pre-internet, divenne sinonimo di un tipo di erba (cioè una varietà di erba proveniente dalla Thailandia).

Lascia un commento

Last cannabis post