Your Cart
 Google-reviews
Shipping Fast & Discreet shipping | Quality Finest Quality | Service Excellent service
Quando si possono coltivare i semi autofiorenti fuori? | 🥇 Paradise Seeds

Quando si possono coltivare i semi autofiorenti fuori?

  • Coltivare semi autofiorenti – quanto presto puoi piantarli fuori?
  • Avviare i semi autofiorenti sotto LED per una semina precoce.
  • Quanto contenuto di Ruderalis c’è nei semi autofiorenti?
  • Guida ai migliori risultati con i semi autofiorenti.

È ben documentato che i semi autofiorenti sono una specie di miracolati, in quanto producono piante che fioriscono indipendentemente dalle ore di luce che ricevono grazie ai geni ruderalis. Questo pone l’inevitabile domanda: quanto presto si possono coltivare i semi autofiorenti all’esterno?

Per i coltivatori principianti di cannabis sembra una domanda logica. Dopo tutto, se le informazioni sulla coltivazione di una varietà autofiorente avvisano il coltivatore che la ruderalis fiorirà indipendentemente dalla luce, allora ciò suggerirebbe che si potrebbe piantare un seme di cannabis autofiorente nel terreno in qualsiasi momento dell’anno e il risultato sarebbe positivo. Ciò è talvolta oggetto di confusione, specialmente se combinato con la consapevolezza che la pianta di cannabis ruderalis  si trova naturalmente in habitat inospitali (dall’Europa centrale e dall’Asia, fino al circolo polare artico).  

Coltivare semi autofiorenti – quando si possono piantare all’aperto?

Pianta un seme autofiorente in qualsiasi momento dell’anno e con abbastanza calore e luce germinerà e crescerà. Tuttavia, quanto robusta sarà la crescita è una questione diversa e la maggior parte degli esperimenti sul davanzale della finestra finiscono per assomigliare a una pianta di erba bonsai piuttosto malata! 

Per coltivare semi autofiorenti in terra all’esterno, Paradise Seeds raccomanda di piantarli da metà a fine maggio nelle regioni più settentrionali (above 45° N.L.) anche se è possibile piantarli un po’ prima nelle regioni mediterranee. Il rischio principale per le giovani piante di cannabis in questo periodo dell’anno sono gli sbalzi di temperatura, specialmente le gelate primaverili impreviste, che possono causare stress alle piante e bloccare la crescita. 

Piantarle prima è un rischio, per il motivo già menzionato, anche se le possibilità sono maggiori più a sud (sotto i 45°) se c’è sufficiente attenzione alla protezione. Fortunatamente, le previsioni meteorologiche odierne sono abbastanza accurate, il che significa che il coltivatore outdoor può prevedere se ci sarà una gelata in arrivo e intervenire. L’uso di vasi è consigliato per chi sperimenta la semina precoce, poiché questi possono essere portati all’interno in caso di condizioni meteorologiche avverse. 

Iniziare semi autofiorenti sotto LED per una semina precoce

Per i coltivatori outdoor nelle regioni settentrionali, c’è sempre la possibilità di iniziare le piante sotto le luci (un’unità LED economica, per esempio), a metà marzo e poi spostarle fuori quando il tempo migliora. C’è un elemento di rischio in questo caso, perché la potenza del sole è ancora piuttosto debole, ma con il cambiamento delle condizioni climatiche, aprile può essere un mese caldo fuori stagione. Ci sono molti giardinieri di colture tradizionali che ora stanno sperimentando la semina al di fuori delle date tradizionali della stagione di crescita per questo motivo. Anche se il processo di piantare semi autofiorenti all’esterno presenta degli ostacoli verso il successo, fai questa scommessa e metticela tutta e il coltivatore all’aperto potrebbe essere ricompensato con un raccolto anticipato bonus! 

Quanto contenuto di Ruderalis c’è nei semi autofiorenti? 

I miracoli della coltivazione moderna della cannabis hanno prodotto un assortimento di varietà di erba che non solo possono sopravvivere nelle difficili condizioni di coltivazione outdoor che i coltivatori affrontano nelle regioni più settentrionali dell’Europa, dell’Asia e del Nord America, ma anche prosperare! Questo perché il processo di breeding ha selezionate qualità, come la resistenza alle muffe, per preparare queste piante a crescere in ambienti dove la pioggia e il sole inconsistente sono caratteristiche costanti. 

Le varietà di cannabis autofiorenti sono state una gradita aggiunta alle gamme di semi di cannabis, e offrono una scelta perfetta per queste condizioni – l’assenza di  fotoperiodismo (e il tempo di raccolta dei semi tra i 60 e i 70 giorni) significa che i coltivatori di erba outdoor possono sfruttare al massimo i brevi mesi estivi. Tuttavia, per quanto avanzate siano le tecniche di coltivazione della cannabis, la prospettiva di una pianta d’erba che possa sfidare la natura e crescere tutto l’anno in condizioni di umidità, freddo e poca luce è qualcosa per cui dovremo aspettare!

Guida ai migliori risultati con i semi autofiorenti

Anche se la composizione genetica dei semi autofiorenti include geni ruderalis, la percentuale è molto bassa (circa il 10%, rispetto al 90% distribuito tra geni indica e sativa). Le piante native di cannabis ruderalis che crescono spontaneamente producono cime, ma con pochi degli attributi che i consumatori di cannabis cercano, come gusto accattivante e potenza dell’effetto. Perciò, anche se i ceppi autofiorenti come Pandora, Auto Wappa o Auto Kong 4 hanno ereditato il ticchettio automatico di una ruderalis (così come il disinteresse per i pattern di luce), sono gli altri componenti genetici che forniscono l’estetica come l’odore, il gusto e l’effetto desiderabile.

Parte del divertimento della coltivazione della cannabis per  coltivatori casalinghi è quello di sperimentare man mano che si acquisisce maggiore esperienza. Per ottenere i migliori risultati con i semi autofiorenti suggeriamo di attenersi al copione e piantare a maggio, ma se si prova ad sperimentare e piantare prima, qualunque cosa accada, sarà una preziosa esperienza di apprendimento!

Lascia un commento

Last cannabis post